12 aprile 1973: così uccidemmo quell’agente

Il giovedì nero del Msi a Milano, gli scontri culminati nella morte dell’agente Marino, nel racconto di un protagonista: Maurizio Murelli

Sono giorni particolarmente frenetici, questi dell’aprile del ’73. Il Msi milanese, dopo un anno di silenzio, cerca di uscire dall’angolo. Le adesioni giovanili del ’70 e del ’71 sono lontani ricordi. La concorrenza di San Babila e di Avanguardia Nazionale si fa sentire. E la mancanza di iniziative e di parole d’ordine allontanano sempre di più i giovani militanti dalla sede giovanile di via Burlamacchi e dalla federazione di via Mancini. Così il federale Servello, insieme ai dirigenti giovanili Cerullo e La Russa, pensa a una grande manifestazione da tenere in città. La data prevista è il 12 aprile. Ufficialmente si tratta di una manifestazione «contro la violenza rossa». Sullo stesso tema il Msi ha già sfilato il 9 marzo a Reggio Calabria e forti di questo precedente i missini milanesi pensano di coinvolgere Ciccio Franco, il simbolo delle «radiose» giornate di Reggio del 1970. La star del neofascismo barricadero di quegli anni. (…) Questo il clima nel Msi e a San Babila. Ma qualche giorno prima è avvenuto un episodio che avrà ripercussioni decisive sul giovedì nero. Prima di partecipare all’operazione «bombe sui treni», Azzi ha lasciato al giovane «Cucciolo» Petrini uno stock di bombe a mano da esercitazione Srcm, rubate in un deposito militare. Cucciolo ha un braccio ingessato, ma non vuole rinunciare al corteo con Ciccio Franco. Siamo a due giorni dal 12 aprile. Da la “Fiamma e la celtica” estrapoliamo la lunga testimonianza di Maurizio Murelli:

Leggi altro ›

11 aprile 1979: tre autonomi muoiono a Thiene mentre fabbricano una bomba

11 aprile

Verso le 17.30 dell’11 aprile 1979, a Thiene, in provincia di Vicenza, esplode un ordigno in un appartamento in via Vittorio Veneto 48. Muoiono dilaniati dall’esplosione tre militanti del Gruppo sociale di Thiene, una delle strutture dei Collettivi Politici Veneti. Maria Antonietta Berna (22 anni), il metalmeccanico Angelo Del Santo (24 anni) e lo studente di medicina Alberto Graziani (25 anni). L’esplosione è provocata dallo scoppio accidentale della pentola a pressione piena di polvere di mina. I due uomini stanno preparando un ordigno mentre la ragazza, compagna dell’affittuario, è alla macchina da cucire in un’altra stanza. In quei giorni ci furono decine di azioni e incendi in risposta all’arresto di decine di compagni del movimento comunista veneto e non solo avvenuto il 7 aprile dello stesso anno.  Le “notti dei fuochi” (decine di attacchi in contemporanea a bassa e diffusa intensità) erano la modalità specifica dell’Autonomia organizzata veneta. 

Leggi altro ›
Taggato con: , , ,

4 aprile 1981: la cattura di Moretti e Fenzi e la parabola del superpoliziotto

moretti

Il 4 aprile 1981 sono catturati a Milano Mario Moretti ed Enrico Fenzi. Il leader più noto delle Brigate rosse e il professore universitario passato in clandestinità dopo la clamorosa assoluzione al processo di Genova sono da qualche settimana impegnati nella difficile missione di ricostruire una colonna brigatista nella capitale operaia di Italia. La struttura milanese ha rotto da qualche mese con l’organizzazione nazionale. A luglio 1980 la Colonna “Walter Alasia” aveva chiesto le dimissioni dell’Esecutivo. Nodi fondamentali del dissidio furono la questione operaia e il problema della liberazione dei prigionieri.

Leggi altro ›
Taggato con: , ,

La rivolta di Torre Maura: l’odio razziale dilaga in tutta Roma est

La sindaca Raggi accusa: dietro le violenze di Torre Maura ci sono CasaPound e Forza Nuova. E la procura indaga per odio razziale. Ma in tutta la periferia orientale si ripetono gli incidenti. Spesso i protagonisti sono piccoli malavitosi di borgata che si ergono a paladini del territorio

Leggi altro ›
Taggato con: , , , , ,

Il centrodestra e la conquista del santuario lucano

Qualche giorno prima del voto avevo provato a spiegare, sul portale di Tiscali con cui ho ripreso a collaborare come e perché il centrodestra avrebbe conquistato la Basilicata. Ora a urne chiuse, a chiacchiera postuma conclusa, vi propongo l’analisi prima e dopo il voto

Leggi altro ›
Taggato con: , ,

I verbali di Battisti: non volevamo uccidere Torregiani e Sabadin

La decisione di Cesare Battisti di assumersi la responsabilità degli omicidi da lui commessi 40 anni fa come militante dei Proletari armati per il comunismo e di chiedere scusa ai familiari delle sue vittime ha scatenato una bagarre sui media e sui social. L’ex terrorista, ieri scrittore di fama, oggi ergastolano al carcere duro, è personaggio divisivo. Ho perciò deciso di provare a restituire le sue ragioni facendomele raccontare dall’avvocato di Battisti, Davide Steccanella, l’ultimo difensore di Renato Vallanzasca. Il testo integrale dell’intervista, pubblicata da Tiscali.it, la potete leggere qui. Nello stesso spirito va la decisione di diffondere il testo integrale degli interrogatori resi nel weekend da Cesare Battisti. Ecco la parte che riguarda la sua militanza fino ai Pac

Leggi altro ›
Taggato con: , , , , , , ,

Il complotto della grande sostituzione ha ispirato la strage in Nuova Zelanda

Il bagaglio ideale di Brenton Tarrant ha notevoli somiglianze con i discorsi di Matteo Salvini contro la “sostituzione etnica” – Dopo la carneficina in Norvegia Borghezio condannò la violenza feroce ma difese le idee politiche di Breivik

Anders Breivik, feccia nazista
Anders Breivik

di Ugo Maria Tassinari

Ci sono anche due italiani nel pantheon degli eroi che hanno ispirato Brenton Tarrant, il 28enne australiano accusato di aver ammazzato 49 fedeli nelle due moschee della città neozelandese di Christchurch. LEGGI TUTTO

Taggato con: , , , , , , ,

Estradizioni, la Francia riesaminerà caso per caso

Nella seconda e ultima giornata di lavori a Parigi per approfondire la questione dei terroristi macchiatisi di gravi crimini negli anni di piombo e latitanti Oltralpe, il pool di magistrati inviati dal ministero della Giustizia ha incontrato l’ambasciatrice italiana in Francia Teresa Castaldo. L’appuntamento è servito per informarla e fare il punto sugli esiti dell’incontro di ieri, martedì 13 febbraio, con le autorità francesi. Soddisfazione emerge da parte dei tecnici di via Arenula per l’esito della due giorni, che ha permesso di riaprire un canale di comunicazione.

Leggi altro ›

Torino, corteo anarchico al carcere. Un petardo imcendia un capannone

Un centinaio di antagonisti ha formato oggi pomeriggio un corteo che, partendo da corso Cincinnato, alla periferia della città , si è diretto al carcere torinese ’Lorusso e Cutugno’. Nella casa circondariale sono rinchiusi i 6 arrestati durante lo sgombero dell’Asilo in via Alessandria e gli 11 fermati ieri per le violenze nel corteo in centro a Torino organizzato per protesta contro l’intervento delle forze dell’ordine.
Il lancio di un petardo oltre il muro di cinta ha provocato gravi danni: un capannone ha preso fuoco ed è crollato

Il corteo è stato aperto da un gruppo con lo striscione “Vallette-Lucento quartiere antifascista e antirazzista”. Nello stesso quartiere un gruppo di militanti di CasaPound ha tenuto una commemorazione alla lapide per le Vittime delle Foibe.

Il questore: l’Asilo è un covo

 “L’Asilo di via Alessandria non era un normale centro sociale, ma la base di una cellula sovversiva di un gruppo di anarco-insurrezionalisti sociali che propugna la sovversione dell’ordine democratico partendo dalla protesta di piazza”. Così il questore di Torino Francesco Messina,
all’indomani degli scontri al corteo dell’area antagonista. “L’Asilo – aggiunge Messina – era il loro covo. Si tratta di un gruppo che ha esercitato per anni un controllo militare nel quartiere Aurora”. 
Tra gli 11 arrestati dalla Polizia per le violenze di ieri al corteo anarchico ci sono – ha sottolineato il questore – anche antagonisti che hanno precedenti anche per “azioni con finalità terroristiche”, un’accusa su cui la Procura di Torino ha avuto spesso la manica larga ma poi scarsi riscontri processali. Le accuse sono di devastazione, resistenza aggravata, blocco stradale, detenzione lancio di oggetti esplodenti.
Gli arrestati sono Caterina Sessa, 24 anni, Giulia Gatta, 25, Giulia Travaini e Nicholas Medone, entrambi di 27, Carlo De Mauro, 29 anni, Fulvio Erasmo, 30, Martina Sacchetti, 31, Irene Livolsi, 34, Andrea Giuliano, 37, Antonello Italiano, 40 anni, Francesco Ricco, di 45.

Gli scontri di sabato: assaltato un autobus

Sabato pomeriggio guerriglia urbana nel centro di Torino al corteo dei centri sociali contro lo sgombero dell’Asilo, concluso ieri dopo 2 giorni di tensione. Pietre e petardi contro le forze dell’ordine, cassonetti rovesciati e incendiati, spaccata la vetrata della Smat, l’azienda dell’acqua potabile. Il corteo, con centinaia di manifestanti, molti dei quali incappucciati e con caschi, si sta riorganizzando e un pezzo della città  tra il centro storico e Porta Palazzo è isolato.  Un gruppo di incappucciati ha assaltato un pullman di linea a Torino, terrorizzando l’autista e i passeggeri. Saliti a bordo, i manifestanti hanno vandalizzato il bus e lanciato sostanze lacrimogene. “Non ho mai visto niente di simile – racconta l’autista – sono saliti incappucciati sfasciando tutto. Tremo ancora adesso”. 

Cinquecento anarchici in corteo

Più di 500 gli anarchici che hanno sfilato a Torino, partenza da piazza Castello, per esprimere solidarietà contro lo sgombero dell’Asilo Principe di Napoli. L’edificio di via Alessandria era stato occupato nella metà degli Anni 90 e liberato giovedì 7 febbraio dalle forze dell’ordine. Nel capoluogo torinese sono stati numerosi i rappresentanti dei principali gruppi anarchici del Piemonte. In particolare molti manifestanti sono arrivati da Ivrea, Rovereto, Pinerolo, Trento, Milano e una trentina di esponenti del centro sociale Askatasuna.
Gli scontri principali sono avvenuti sul ponte di corso Regio Parco. In particolare i manifestanti hanno lanciato pietre e grossi petardi contro la polizia oltre ad aver incendiato diversi cassonetti. I tutori della legge hanno risposto con lancio di lacrimogeni e getto di idranti. Gli scontri sono andati avanti per tutto il pomeriggio. In particolare nelle zone degli incidenti diversi anarchici hanno continuato a lanciare petardi e fumogeni contro la polizia.

Gli arresti di giovedì per associazione sovversiva

Altri incidenti si sono verificati al corteo di protesta la sera dello sgombero e si sono conclusi con tre arresti. Sei invece gli anarchici arrestati la mattina, per ordine della Procura, nel corso delle operazioni di sgombero dei locali occupati. Ai sei arrestati per associazione sovversiva e istigazione a delinquere sono contestati, a vario titolo, 21 azioni di sabotaggio contro aziende e fornitori dei centri di espulsione, nell’ambito della campagna annunciata a fine 2015 ‘I cieli bruciano’. L’obiettivo del gruppo, secondo gli inquirenti, era sovvertire le politiche del governo sulla questione migranti, anche sostenendo rivolte al Centro di Permanenza per il Rimpatrio (CPR). Il centro sociale sgomberato sarebbe stato la base logistica e operativa della cellula anarchica sovversiva.

Taggato con: , , ,

2 febbraio 1977: Daddo e Paolo, l’inizio della grande rivolta

“Daddo e Paolo” una delle fotografie più evocative della grande rivolta del ’77 fu scattata da Tano D’Amico. Per più di 20 anni ha deciso di custodirla in segreto. Era il 2 febbraio 1977, a piazza Indipendenza. Volge al termine la manifestazione contro l’aggressione fascista avvenuta il giorno prima all’università. Un gruppo di compagni assalta e incendia la sede di Sommacampagna del Fronte della Gioventù, un’ auto civetta della polizia irrompe sulla coda del corteo. I poliziotti scendono armati. Convinti che si trattino di fascisti, i due compagni, militanti del Comitato comunista di Monte Mario, aprono il fuoco ferendo gravemente un agente. Paolo, un proletario di Primavalle, resta ferito alle gambe, Daddo, un borghese della Balduina, torna indietro per aiutare il compagno.

Un gesto di straordinaria solidarietà ma soprattutto di quella generosità che caratterizzerà il Movimento nonostante incomprensioni e divergenze politiche. Il 12 marzo il grande corteo insurrezionale che rappresenta la punta più alta del ’77 è aperto da un grande striscione “Paolo e Daddo liberi” dietro cui si raccolgono migliaia di militanti della rete dei Comitati comunisti, oramai divisi in numerose frazioni organizzate.

Leggi altro ›
Top