13 novembre 1981: i Colp uccidono un poliziotto alla stazione di Milano

viscardi

Il 13 novembre 1981, è in corso a Milano un’operazione di controllo nei confronti di due individui sospetti nella Stazione Centrale. La guardia Eleno Anello Viscardi, in servizio alla Digos, si fa sorprendere dalla brusca reazione di uno dei controllati. All’improvviso questi fa fuoco e lo ammazza con numerosi colpi di pistola. Gli autori dell’omicidio sono immediatamente arrestati da altri agenti di polizia accorsi sul posto. 

Leggi altro ›
Taggato con: , , , , , ,

13 novembre 1975, la strage dei Graneris. Un delitto in nero che segna un’epoca

È appena cessato l’eco dell’atroce delitto del Circeo. Gli intellettuali si rifiutano di accettare l’idea che a uccidere Pier Paolo Pasolini la notte del 2 novembre sia stato solo uno squallido marchettaro di Pietralata. Ed ecco una strage familiare rilancia il dibattito sulla dilagante superviolenza.
Il 13 novembre 1975, verso le 21,30, in una villetta alla periferia di Vercelli Doretta Graneris, 18 anni, il suo fidanzato, Guido Badini, 21 anni, e il suo amante, Antonio D’Elia, 19 anni, sterminano la famiglia della ragazza: nonni materni, genitori e fratello tredicenne.
La gelosia per il ragazzino, l’insofferenza per le regole imposte dai genitori, ma anche l’incredibile bramosia di mettere le mani sui risparmi del padre (circa 200 milioni) furono, per i giudici, la molla che fece scattare la follia omicida. A tradirli un bossolo caduto nella piega dei pantaloni del fidanzato e di lì nella sua auto. La coppia sarà condannata all’ergastolo, D’Elia a 24 anni.

Leggi altro ›

13 novembre 1982: muore tentando la fuga Maurizio Biscaro, delle Br Walter Alasia

Oggi voglio ricordare Maurizio Biscaro, morto il 13 novembre del 1982 precipitando dal cornicione del sesto piano di una casa di Cinisello Balsamo nel tentativo di sfuggire all’arresto. Aveva 25 anni e siccome era un militante della Walter Alasia è uno di quei morti “dalla parte sbagliata”, di cui non si parla.

Leggi altro ›

Gli attivisti di Baobab: blindati alla Tiburtina per lo sgombero

 “Blindati delle forze dell’ordine alle prime luci hanno circondato il presidio di piazzale Maslax, nei pressi della stazione Tiburtina, per sgomberare l’area dai migranti”. A lanciare l’allarme in un post su facebook gli attivisti di Baobab Experience aggiungendo che sono più 100 le persone che ancora dormono in strada e che il Comune non ha preso in carico. 
Alla fine delle operazioni di sgombero, intorno alle 11, sono in tutto 136 i migranti cacciati dalla struttura di accoglienza. Sono entrate in funzione le ruspe per liberare l’area.

Leggi altro ›

13 novembre: muore in un conflitto a fuoco Claudio Pallone (Mcr)

Claudio Ernesto Pallone cresce alla Garbatella, con i collettivi Politici Studenteschi del suo liceo. Fra le sue prime esperienze di militanza nel Gruppo Comunista della Garbatella, formazione di quartiere che, nei primi anni ’70, confluisce nel Gruppo Gramsci.
Con lo scioglimento del Gramsci (1973) milita nell’area dell’autonomia romana; partecipa alla vita del foglio trasversale Zut; si iscrive, in quanto disoccupato, alla lista di collocamento per entrare al Policlinico ed è presente a tutte le manifestazioni, partecipando molto attivamente al movimento dell’autonomia.

Leggi altro ›
Taggato con: , , , ,

Roma, scontri con Militia Christi. Quasi 4 anni a Nunzio D’Erme

Nunzio D'Erme

Condanna a 3 anni e 10 mesi per Nunzio D’Erme, 56 anni, ex consigliere comunale al Campidoglio e storico attivista del centro sociale “Corto Circuito” e dell’area antagonista della Capitale.
Il Tribunale di Roma ha condannato anche altri due militanti antagonisti rispettivamente a 1 anno e 6 mesi e a 1 anno e 4 mesi.
Tutti e tre dovevano rispondere a vario titolo, in concorso, dei reati di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali aggravate e procurata evasione. 

Leggi altro ›
Taggato con: , , , , , ,

Mille dei centri sociali in piazza a Palermo contro il summit per la Libia

 Un migliaio di giovani dei centri sociali di Palermo ha sfilato in corteo ieri sera per “manifestare il dissenso rispetto alla Conferenza Internazionale per la Libia” . Il summit si tiene oggi e domani a Palermo.
“Con partenza da piazza Rivoluzione, la folta carovana musicale ha strappato la città al controllo, è irrotta in una dimensione ovattata costruita ad arte in vista dell’evento”. 
Gli organizzatori del corteo contestano una macchina scenica costruita “per i bisogni esclusivi dei delegati delle nazioni invitate che giocano un ruolo di predominio militare sul Mediterraneo”. 

Leggi altro ›
Taggato con: , , , ,

12 novembre 1953: nasce Marcello Colafigli, il “Bufalo” della Magliana

marcello colafigli

Marcello Colafigli è l’unico capo della banda della Magliana ancora detenuto a 35 anni di distanza dall’arresto (carcerazione interrotta per un anno per una evasione dal manicomio giudiziario, nel 1989). Ha ispirato il personaggio di “Bufalo” in ‘Romanzo criminale’: violento fino alla brutalità ma generoso e leale. Del suo “buon carattere” offre un’originale testimonianza il pentito Antonio Mancini che fu arrestato con lui nel 1981, dopo l’omicidio di uno dei Proietti, il clan avversario responsabile dell’omicidio di Franco Giuseppucci, “Libano”.

Leggi altro ›
Taggato con: , , , ,

11 novembre 2000, Milano. No al meeting di Forza nuova Battaglia con la Celere

La mobilitazione antifascista e anticapitalista, contro il vertice della Trilateral e la manifestazione di ForzaNuova, comincia alle 15 in Porta Venezia. Qui si concentrano circa mille compagni e compagne circondati da uno spropositato spiegamento di polizia. I militanti del Bulk, il centro sociale fisicamente vicino al de Sade, il locale che ospita il raduno forzanovista, organizzano un presidio autonomo. Questa divisione non rappresenterà una debolezza ma uno strumento tattico prezioso perché si coordinano. Intorno alle 13 un primo gruppo di antifascisti sono fermati. Altri gruppi di compagni di fuori Milano erano invece stati fermati direttamente all’arrivo in stazione. Alla mobilitazione, promossa dalla Rete antifascista milanese (RAF)  partecipano delegazioni di tutta Italia e anche un gruppo di attivisti tedeschi.

Leggi altro ›
Taggato con: , , ,

11 novembre 2007: l’agente Spaccarotella uccide Gabriele Sandri

Il post che segue l’ho pubblicato otto anni fa su Fascinazione. Che cosa è cambiato d’allora? Qualcosa. Spaccarotella in appello è stato condannato a 9 anni e 4 mesi per omicidio volontario per dolo eventuale (la consapevolezza che la sua condotta sconsiderata poteva provocare la morte) e poi a risarcire all’erario metà dei 3 milioni e centomila euro di danni riconosciuti alla famiglia. Nel 2011, come ricordato nel video da Paola Frassinetti, oggi parlamentare di fratelli d’Italia, è stata collocata una targa ricordo sul luogo della tragedia.

Tre anni fa moriva, ammazzato da un poliziotto scellerato, Gabriele Sandri. L’assassino se l’è cavata con sei anni di condanna, meno di quelli presi da uno dei suoi amici, che, furioso e indignato, partecipò alla guerriglia violentissima scatenata quella stessa sera a Roma e culminati con un assalto alla caserma di polizia, livello di scontro che neanche il movimento del ’77 aveva attinto. La morte di “Gabbo dj” arrivò mentre stavo chiudendo la correzione delle seconde bozze di Fascisteria e quindi chiesi e ottenni dall’editor della Sperling & Kupfer di aggiungere questo post scriptum al volume …

Leggi altro ›
Taggato con: , , ,
Top