Archivi Mensili: agosto 2014

L’azione diretta di Forza nuova contro Adel Smith e quella linea di divisione nella fascisteria

  Quello tra Adel Smith, scomparso ieri, e Forza nuova non è stato un match che si è limitato all’irruzione negli studi televisivi veronesi ma da parte dell’organizzazione neofascista ci fu una campagna persistente contro il “nemico del crocifisso”. Nella

Pubblicato in fascisteria, i politici dell'odio, la battaglia della memoria Taggato con: , , , ,

In morte di Adel Smith: il cattivo perfetto ai tempi dello scontro di civiltà

È morto a 54 anni per una grave malattia Adel Smith, noto per la battaglia contro la presenza di simboli sacri in edifici pubblici, culminata nel 2003 con il lancio di un crocifisso dalla finestra dell’ospedale dell’Aquila. Nato ad Alessandria

Pubblicato in fascisteria, i politici dell'odio, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , , , , ,

Nello scrigno del tempo: Gianluca Casseri, Lerner, io e quei bravi ragazzi di CasaPound

Quei bravi ragazzi di CasaPound ovvero il clou del mio intervento alla trasmissione dell’Infedele del 19 dicembre 2011 dedicato al raid razzista di Firenze concluso con il suicidio dell’autore, Casseri, simpatizzante di CasaPound Qui invece l’elenco dei link dei numerosi

Pubblicato in fascisteria, i politici dell'odio, Nello scrigno del tempo Taggato con: , , , , ,

Nello scrigno del tempo: perché non funziona la pista rossa sulla strage dell’Italicus

Quello che segue è uno dei miei rari pezzi inediti, riaffiorato nel ciclico lavoro di riordino dell’archivio che normalmente faccio in agosto (vecchia nevrosi e bioritmo da deskista). E’ il commento (critico) dell’intervista di Pino Casamassima a Tuti sulla “pista

Pubblicato in anni di piombo, fascisteria, la battaglia della memoria, Nello scrigno del tempo

Nello scrigno del tempo: la mia analisi in tempo reale del caso Breivik e delle due destre

Il mio articolo per gli Altri a fine luglio 2011 sulle stragi in Norvegia… L’attacco alla Norvegia è un evento eccezionale per molti aspetti. Per le proporzioni dell’omicidio di massa (il più grande dell’epoca contemporanea), per la complessità organizzativa che

Pubblicato in fascisteria, i politici dell'odio Taggato con: , , , , , , ,

In morte di Servello: la realtà di San Babila e lo strappo con il Msi dopo il giovedì nero

Nella vicenda politica del Msi milanese la tragedia del 12 aprile 1973 è un passaggio epocale, perché segna il momento di rottura e di discontinuità tra l’apparato di partito e la militanza facinorosa che aveva il suo ritrovo e santuario in

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , , ,

Dallo scrigno del tempo: è morto Servello, 60 anni ai vertici della fascisteria di Palazzo

  Si è spento l’amico Franco Maria Servello. Bandiera della destra italiana, sempre fedele ai nostri ideali. Uomo generoso e leale. Ci mancherà la sua coerenza e la sua onestà. Così Gianfranco Fini ricorda uno dei camerati della vecchia guardia (è

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , , ,

Napolitano il capo della banda: il pezzo del Quotidiano sulla presentazione di Senise

Con tutto il ritardo del caso, mi decido a pubblicare il pezzo di Gianni Costantino (a sinistra nella foto, a destra è l’organizzatore e conduttore della serata Nicola Melfi) sulla presentazione del libro Napolitano il capo della banda  a Senise,

Pubblicato in conflitto sociale, consigli di lettura Taggato con: , , ,

Strage di Bologna, una messa a punto per me definitiva sulla “pista palestinese”

Poiché c’è  ancora chi persiste a sostenere la validità della “pista palestinese” sulla strage di Bologna nonostante la netta conclusione della Procura, e taluni lo fanno anche con evidenti falsficazioni della realtà, mi limito a riprendere qualche riga di Giacomo

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , , , ,

Nello scrigno del tempo: un confronto a più voci nel trentennale della strage di Bologna

“La tendenza a ragionare per schemi e logiche di fazione è un male corrente ma su questo terreno mi pare che qualcosa si muova anche nel colpevolismo di sinistra – dice Ugo Maria Tassinari in un’intervista a Il Fondo di

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , , , ,

Sono nato a Napoli nel 1956 e cresciuto a Posillipo. Vivo e lavoro a Potenza. Sposato da 35 anni, ho una figlia trentenne, un genero, un nipote. Militante dell’antagonismo sociale negli anni Settanta, ho proseguito il mio impegno sul fronte della solidarietà per i prigionieri degli anni di piombo, partecipando in prima persona alle campagne per la soluzione politica. Le mie posizioni da un marxismo critico di matrice operaista si sono evolute nella direzione di un radicale libertarismo. Col passare degli anni, ho spostato la mia attenzione dalla cronaca alla narrazione, dalla ricostruzione dei fatti ai dispositivi di costruzione delle storie...

L'alter-Ugo è la superfetazione del blog Fascinazione, chiuso alla fine di febbraio 2013, quando ha superato il milione di visitatori e poi riaperto e affidato alla cura del discepolo più devoto. Perché 25 anni di ricerca e osservazione sulla fascisteria bastano e avanzano anche a un maniaco compulsivo come me. Questo sito si occuperà ancora di politica e movimenti sociali ma offrirà pure una robusta documentazione d'archivio delle mie precedenti attività giornalistiche e costituirà lo snodo per accedere a tutti i miei canali del web 2.0 (blog, anobii, youtube, flickr)