Archivi Mensili: settembre 2014

Caso de Magistris: il problema vero è la sorveglianza di massa (sia pure all’artigiana)

…Gioacchino Genchi è uno dei migliori esperti nella lotta alla criminalità condotta con metodologie informatiche, ed i suoi servizi sono stati importantissimi per assicurare alla giustizia pericolosi latitanti… Il suo metodo d’indagine, però, gli consentì di acquisire un archivio personale con

Pubblicato in conflitto sociale, nel Palazzo Taggato con: , , , , , , ,

Strage di Bologna, Di Vittorio e Calidori: per i condannati la strada maestra è chiedere la revisione

Avv. Valerio Cutonilli presso L’ALTER UGO Gentile avvocato Cutonilli, grazie per la cortese lettera che ha voluto inviarci. La cortesia è rara – di questi tempi – sicché, volerla esprimere e volerla ricevere sono gesti di altrettanto rara humanitas. Purtroppo,

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , ,

Strage di Bologna, Cutonilli: chiuso il caso Di Vittorio continuiamo a porci domande

Gentili coniugi Di Vittorio-Calidori, dopo aver letto, con interesse e attenzione, il Vostro intervento pubblicato ieri 25 settembre dal comune amico Ugo Tassinari su questo sito, mi sento chiamato in causa e quindi in dovere di scriverVi quanto segue. Mi permetto di

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , , ,

Strage di Bologna. Di Vittorio e Calidori: ecco perché la Procura scagiona Mauro

Sulla mia pagina facebook dove prosegue la discussione sul caso Di Vittorio, Valerio Cutonilli, al tempo stesso appassionato difensore di Luigi Ciavardini e studioso degli anni di piombo (è coautore tra l’altro di un approfondita ricerca sulla strage di Acca

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: ,

Strage di Bologna de Tonquédec: è giusto parlare delle entrature politiche …

All’appello di Anna Di Vittorio e Giancarlo Calidori, dopo Gian Paolo Pellizzaro risponde anche François de Tonquédec, per una sofisticata messa a punto nella discussione su caso Di Vittorio e strage di Bologna Caro Ugo, vorrei approfittare della tua ospitalità

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , ,

Strage di Bologna, Pelizzaro: non ho mai creduto alla pista Di Vittorio

Il primo a rispondere all’appello di Anna Di Vittorio e Giancarlo Calidori è Gian Paolo Pelizzaro, uno degli scopritori della pista palestinese sulla strage di Bologna I fatti hanno la testa dura e la verità non è una giacchetta. Mi viene

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , , ,

Strage di Bologna e perdono: Anna Di Vittorio e Giancarlo Calidori citano i testimoni

(umt) Mentre lavoravo, con i miei ritmi sempre più messicani, ai link dei vari documenti trasmessi dai coniugi Calidori-Di Vittorio per integrare il testo della loro replica a Valerio Fioravanti, mi è arrivata una nuova epistola, che questa volta chiama in

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , , ,

Strage di Bologna: una lectio magistralis da Anna Di Vittorio e Giancarlo Calidori

Perciò! Va’ pure inerme Attraverso la vita, e nulla temere!  HÖLDERLIN   Ugo carissimo, torniamo insieme in questa lettera, l’una accanto all’altro, per quello che siamo: sposi. E ci siamo sposati, nel 1983, perché la gente come noi due si

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , ,

Strage di Bologna. Valerio Fioravanti racconta il suo rapporto con Anna Di Vittorio

Caro Ugo, google alert mi segnala un aggettivo che non mi piace. Tu usi la parola “ambiguità” per definire il nostro rapporto con Anna Di Vittorio. L’ambiguità però è forse in alcuni racconti parziali che altri (non Anna) hanno fatto,

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , , ,

Strage di Bologna, de Tonquédec: nessun riscontro ai rapporti tra Mauro Di Vittorio e autonomi

Sui motivi della presenza di Mauro Di Vittorio a Bologna il 2 agosto 1980, non c’e’ nulla da chiarire, così come non c’è nulla da chiarire per le centinaia di persone che si trovavano li per varie ragioni. Era da

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , ,

Sono nato a Napoli nel 1956 e cresciuto a Posillipo. Vivo e lavoro a Potenza. Sposato da 35 anni, ho una figlia trentenne, un genero, un nipote. Militante dell’antagonismo sociale negli anni Settanta, ho proseguito il mio impegno sul fronte della solidarietà per i prigionieri degli anni di piombo, partecipando in prima persona alle campagne per la soluzione politica. Le mie posizioni da un marxismo critico di matrice operaista si sono evolute nella direzione di un radicale libertarismo. Col passare degli anni, ho spostato la mia attenzione dalla cronaca alla narrazione, dalla ricostruzione dei fatti ai dispositivi di costruzione delle storie...

L'alter-Ugo è la superfetazione del blog Fascinazione, chiuso alla fine di febbraio 2013, quando ha superato il milione di visitatori e poi riaperto e affidato alla cura del discepolo più devoto. Perché 25 anni di ricerca e osservazione sulla fascisteria bastano e avanzano anche a un maniaco compulsivo come me. Questo sito si occuperà ancora di politica e movimenti sociali ma offrirà pure una robusta documentazione d'archivio delle mie precedenti attività giornalistiche e costituirà lo snodo per accedere a tutti i miei canali del web 2.0 (blog, anobii, youtube, flickr)