Archivi Mensili: gennaio 2015

Una mia intervista al Quotidiano di Basilicata: si è perso il vizio di fare le domande

Un’intervista al Quotidiano di Basilicata sulla crisi dell’informazione (qui il testo). Il ragionamento dell’ultima domanda è un po’appeso. Evidentemente stremata dall’infinito lavorio di sintesi necessario a ridurre a dimensioni quotidianesche il mio esuberante flusso discorsivo, Antonella Giacummo ha risolto tagliandone

Pubblicato in consigli di lettura Taggato con: , ,

In morte di Pino Daniele: nelle sue scelte di vita le ragioni dei funerali negati a Napoli

Ho scelto di non mettere canzoni di Pino Daniele per ricordarlo nella mia bacheca di facebook, perché è una vita che “non do in faccia senza ‘e me fermà” così come ho perso la sana abitudine di “aizà ‘o raccio ‘e

Pubblicato in la battaglia della memoria Taggato con: , ,

Il ritorno del figliuol prodigo a Capodanno: se la favola funziona perché perdere tempo a verificare le notizie?

Antonio Rapisarda, un giovane e brillante giornalista uscito dalla scuola di Potenza, solleva il tema (e mi invita a discutere) dell’incerto futuro del giornalismo da carta stampata, a partire dall’allarme lanciato dal “Corriere della Sera” per il secondo aumento del

Pubblicato in giornalismo

Sono nato a Napoli nel 1956 e cresciuto a Posillipo. Vivo e lavoro a Potenza. Sposato da 35 anni, ho una figlia trentenne, un genero, un nipote. Militante dell’antagonismo sociale negli anni Settanta, ho proseguito il mio impegno sul fronte della solidarietà per i prigionieri degli anni di piombo, partecipando in prima persona alle campagne per la soluzione politica. Le mie posizioni da un marxismo critico di matrice operaista si sono evolute nella direzione di un radicale libertarismo. Col passare degli anni, ho spostato la mia attenzione dalla cronaca alla narrazione, dalla ricostruzione dei fatti ai dispositivi di costruzione delle storie...

L'alter-Ugo è la superfetazione del blog Fascinazione, chiuso alla fine di febbraio 2013, quando ha superato il milione di visitatori e poi riaperto e affidato alla cura del discepolo più devoto. Perché 25 anni di ricerca e osservazione sulla fascisteria bastano e avanzano anche a un maniaco compulsivo come me. Questo sito si occuperà ancora di politica e movimenti sociali ma offrirà pure una robusta documentazione d'archivio delle mie precedenti attività giornalistiche e costituirà lo snodo per accedere a tutti i miei canali del web 2.0 (blog, anobii, youtube, flickr)