I 70 anni di Oreste Scalzone e un regalo ai lettori

Oggi compie 70 anni Oreste Scalzone, una persona che è stata centrale nella mia vita per un paio di decenni, un rapporto di collaborazione nato da un progetto editoriale realizzato (Biennio rosso, la sua autobiografia su Sessantotto e Sessantanove in Italia) e che ha poi messo capo, dopo un cantiere permanente e una cifra di opere incompiute, a un  secondo volume, Vademecum. Dallo sciopero della fame alle rivolte parigine. Soliloqui, dialoghi e controcanti in attesa di coro, edito nel 2006 da Immaginapoli, la casa editrice di Josè Mazzei, che nell’occasione ha anche coordinato il lavoro di un più ampio collettivo redazionale che ha curato e elaborato diversi contributi (Paolo Godani, Paolo Persichetti, “Ignazio”, Ugo Maria Tassinari). Fu il primo e l’ultimo volume di una nuova collana “Quaderni d’Os”. Dieci anni fa eravamo insieme a Nizza, in occasione del 60esimo compleanno di Oreste, per raccogliere i materiali del secondo volume della serie, “Camminamenti” e ci toccò così di accompagnare Oreste nel suo fugace rientro in Italia che fu organizzato per una videointervista al Corriere della Sera, oggi non più disponibile on line, come ricordato dal Quotidiano.net:

Oreste Scalzone è tornato in Italia, a Ventimiglia, per festeggiare il suo sessantesimo compleanno. «È stata solo una toccata e fuga», ha detto l’ex leader di Potere Operaio alla troupe televisiva di AGR Agenzia Giornalistica Multimediale del gruppo RCS, che lo ha accompagnato. «Il mio rientro vero e proprio – ha aggiunto – avverrà tra qualche giorno». Scalzone, latitante a Parigi dal 1981 e condannato a 16 anni di carcere per terrorismo, era a Nizza per incontrare la sua casa editrice ‘Immaginapoli’ e per mettere a punto gli ultimi dettagli del suo libro ‘Camminamenti’, «una specie di autocertificazione» – lo ha definito Scalzone, «un vaccino contro il malinteso». Con la troupe di AGR si è recato a Ventimiglia, ha soffiato sulle candeline della sua torta di compleanno ed ha fatto ritorno in Francia. «Non pensavo che venire in Italia fosse così facile – ha detto – se l’avessi saputo, l’avrei fatto anche prima».

Per festeggiare il compleanno di Oreste, insieme all’editore abbiamo deciso di rendere disponibile il pdf integrale del volume Vademecum

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Pubblicato in consigli di lettura, giustizia e politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Sono nato a Napoli nel 1956 e cresciuto a Posillipo. Vivo e lavoro a Potenza. Sposato da 35 anni, ho una figlia trentenne, un genero, un nipote. Militante dell’antagonismo sociale negli anni Settanta, ho proseguito il mio impegno sul fronte della solidarietà per i prigionieri degli anni di piombo, partecipando in prima persona alle campagne per la soluzione politica. Le mie posizioni da un marxismo critico di matrice operaista si sono evolute nella direzione di un radicale libertarismo. Col passare degli anni, ho spostato la mia attenzione dalla cronaca alla narrazione, dalla ricostruzione dei fatti ai dispositivi di costruzione delle storie...

L'alter-Ugo è la superfetazione del blog Fascinazione, chiuso alla fine di febbraio 2013, quando ha superato il milione di visitatori e poi riaperto e affidato alla cura del discepolo più devoto. Perché 25 anni di ricerca e osservazione sulla fascisteria bastano e avanzano anche a un maniaco compulsivo come me. Questo sito si occuperà ancora di politica e movimenti sociali ma offrirà pure una robusta documentazione d'archivio delle mie precedenti attività giornalistiche e costituirà lo snodo per accedere a tutti i miei canali del web 2.0 (blog, anobii, youtube, flickr)