Archivi del Blog

I 70 anni di Oreste Scalzone e un regalo ai lettori

Oggi compie 70 anni Oreste Scalzone, una persona che è stata centrale nella mia vita per un paio di decenni, un rapporto di collaborazione nato da un progetto editoriale realizzato (Biennio rosso, la sua autobiografia su Sessantotto e Sessantanove in

Pubblicato in consigli di lettura, giustizia e politica

Stagioni: la presentazione del mio libro su Antonio Luongo

Ieri è stato presentato a Potenza il mio ultimo libro, “Stagioni”, un racconto collettivo sulla bella vita e le buone opere del compagno Antonio Luongo, il leader più amato del centro-sinistra lucano precocemente scomparso l’anno scorso, la notte dell’8 dicembre.

Pubblicato in consigli di lettura, nel Palazzo

16 novembre 1952: muore Charles Maurras. Il fascismo come ideologia francese

Charles Maurras, morto il 16 novembre 1952, è la figura chiave per chi riconosce nel fascismo un’ideologia francese. La tesi suggestiva e potente è dello storico israeliano Zeev Sternhell. Al suo volume “La destra rivoluzionaria”, scritto una ventina d’anni fa,

Pubblicato in consigli di lettura, fascisteria Taggato con: , , , , ,

15 novembre 1886, nasce in Francia René Guénon, maestro della Tradizione

  Pensare a un intellettuale francese convertito all’Islam fa subito immaginare che possa trattarsi di un potenziale terrorista, così come sapere che lo stesso personaggio sia pure un alto maestro massone evoca immediatamente la sua partecipazione a oscuri complotti o

Pubblicato in consigli di lettura, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , , ,

1 novembre 1972: Pound. 2 novembre 1974: Pasolini. La morte dei poeti

“Strappa da te la vanità” è uno stralcio della preziosa testimonianza filmata dell’incontro a Venezia nell’autunno del 1968 tra Pier Paolo Pasolini, visibilmente emozionato, e il poeta americano Ezra Pound. 

Pubblicato in consigli di lettura, la battaglia della memoria Taggato con: , , , ,

Piccolo spazio pubblicità: domani presento “Nel nome di un Dio…” a Matera

“Nel nome di un Dio uccidono”, Edigrafema Edizioni, di Ugo Maria Tassinari sarà presentato alla libreria dell’Arco giovedì 13 ottobre, ore 18.30. Nato a Napoli nel 1956, cresciuto a Posillipo, sposato da 35 anni vive e lavora a Potenza Negli

Pubblicato in consigli di lettura

Il procuratore Coco, le vittime delle Br e gli scherzi della memoria

Il libro è di qualche anno fa, ma è ritornato giustamente alla ribalta nelle scorse settimane, in occasione del 40° anniversario dell’omicidio del procuratore generale di Genova, Francesco Coco insieme ai due agenti di scorta. Il figlio, Massimo, violinista di talento,

Pubblicato in consigli di lettura, la battaglia della memoria Taggato con: , , ,

Nel nome di un Dio uccidono: il servizio del Tgr Basilicata

Un servizio bello e lungo (quasi due minuti) del tgr Basilicata su Nel nome di un Dio uccidono. Un regalo a sorpresa del redattore capo Oreste Lo Pomo. Qui il link: il servizio inizia al minuto 15.30″. A seguire la

Pubblicato in consigli di lettura, terrorismo internazionale Taggato con: , , , , ,

Gli agenti si sono messi al rintraccio del romeno

E’ stato solo grazie all’immediata segnalazione al 113, a cui con dovizia di particolari sono stati descritti all’operatore di Polizia i caratteri somatici e l’abbigliamento indossato dall’aggressore, che gli agenti del Reparto Prevenzione Crimine Campania e della sezione Volanti dell’U.P.G.

Pubblicato in consigli di lettura, la battaglia della memoria Taggato con: , , , ,

Lo zapatismo in salsa napoletana e le radici di un’insorgenza sudista

Siamo innegabilmente immersi in un processo di progressiva acquisizione di un’identità, partenopea, meridionale e che rigetta l’idea di subalternità indotta, lo status di colonia interna e che sta invadendo prepotente il discorso pubblico. Noi vorremmo che nella sua progressività questo

Pubblicato in conflitto sociale, consigli di lettura

Sono nato a Napoli nel 1956 e cresciuto a Posillipo. Vivo e lavoro a Potenza. Sposato da 35 anni, ho una figlia trentenne, un genero, un nipote. Militante dell’antagonismo sociale negli anni Settanta, ho proseguito il mio impegno sul fronte della solidarietà per i prigionieri degli anni di piombo, partecipando in prima persona alle campagne per la soluzione politica. Le mie posizioni da un marxismo critico di matrice operaista si sono evolute nella direzione di un radicale libertarismo. Col passare degli anni, ho spostato la mia attenzione dalla cronaca alla narrazione, dalla ricostruzione dei fatti ai dispositivi di costruzione delle storie...

L'alter-Ugo è la superfetazione del blog Fascinazione, chiuso alla fine di febbraio 2013, quando ha superato il milione di visitatori e poi riaperto e affidato alla cura del discepolo più devoto. Perché 25 anni di ricerca e osservazione sulla fascisteria bastano e avanzano anche a un maniaco compulsivo come me. Questo sito si occuperà ancora di politica e movimenti sociali ma offrirà pure una robusta documentazione d'archivio delle mie precedenti attività giornalistiche e costituirà lo snodo per accedere a tutti i miei canali del web 2.0 (blog, anobii, youtube, flickr)