Archivi del Blog

16 dicembre 2012: muore a Caserta Tonino Torre

In questi giorni ho mollato un po’ il blog per gli impicci dell’uscita del libro su Antonio Luongo e per gli affanni accumulati nello sprint finale. Recupererò nel week end (spero) alcuni episodi importanti di questi giorni, ma intanto questo

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria

13 dicembre 2011: Gianluca Casseri uccide due senegalesi a Firenze

Il clou del mio intervento alla trasmissione dell’Infedele del 19 dicembre 2011 dedicato al raid razzista di Firenze concluso con il suicidio dell’autore, Gianluca Casseri, simpatizzante di CasaPound 

Pubblicato in fascisteria, i politici dell'odio

12 dicembre 1969. Piazza Fontana: è morto in Angola il sospettato Ivano Toniolo

  La rivelazione dell’Espresso arriva alla vigilia dell’anniversario: uno dei sospettati della cellula nera padovana, Ivano Toniolo, è morto circa un anno fa, in Angola, il paese a guida filocubana in cui si era rifugiato circa 40 anni fa, in

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria

12 dicembre 1969, Salvini: quella prova sulla strage dimenticata in un armadio

12 dicembre 2016 : Guido Salvini, il giudice istruttore che rilanciò l’inchiesta sulla strage di piazza Fontana scrive in ricordo di Michele Cacioppo l’ispettore che studiava le carte sulle stragi e racconta la storia dell’agenda dimenticata dalla Procura di Milano

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , , , ,

Sfratti dai residence, Forza nuova canta vittoria per la sospensione

“In seguito alla mobilitazione di oggi condotta dai Fac, insieme ai residenti del residence di Torrevecchia, il Comune ha bloccato con provvedimento di urgenza tutti gli sfratti dai residence romani. Con la memoria di giunta di oggi, infatti, tutti i

Pubblicato in conflitto sociale, fascisteria Taggato con: , , , , , , ,

7-8 dicembre 2016/3: il golpe Borghese e il Movimento sociale

Il golpe Borghese resterà probabilmente uno dei tanti misteri della Repubblica. Ma è indubbio che in quei giorni anche negli ambienti missini si fosse al corrente dell’agitazione di Borghese. Ernesto De Marzio, all’epoca presidente dei deputati missini, rivela un episodio

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , ,

7-8 dicembre 1970/2: il golpe Borghese e i gruppi extraparlamentari

Pino Rauti ha già spiegato l’innamoramento per i militari statunitensi, francesi e greci. Ora aggiunge: In quel contesto storico e politico era per noi inevitabile cedere a suggestioni golpiste. Ma non avemmo comunque alcun rapporto con Borghese. Certo, ricordo che

Pubblicato in fascisteria, i politici dell'odio Taggato con: , , , ,

7-8 dicembre 1970/1: il golpe Borghese. Lo scenario

La notte dell’8 dicembre 1970 è passata alla storia come la «notte della Madonna». Secondo alcuni magistrati, diversi neofascisti pentiti e molti giornalisti, quella notte ci fu nel nostro Paese un tentativo di colpo di Stato militare, guidato dal principe

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , , ,

6 dicembre 1981: Belsito uccide un maresciallo: “Vendicato Alibrandi”

La mattina del 6 dicembre, poco dopo le 10,30, Belsito e Lai stanno passeggiando nei giardi­netti di via Marmorata, a quattro passi dal rifugio di Walter Sordi, rimasto ferito nella sparatoria al Labaro in cui ha perso la vita Alessandro

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , , ,

5 dicembre 1979. Il mese nero dei Nar: arrestato Dario Pedretti

Il dicembre nero, per il neofascismo romano,  comincia il giorno 5. Nel pomeriggio un commando, guidato da Dario Pedretti, aveva assaltato una gioielleria in via Rattazzi, ma poi le cose si erano complicate, perché il gruppetto era stato intercettato dalla

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , ,

Sono nato a Napoli nel 1956 e cresciuto a Posillipo. Vivo e lavoro a Potenza. Sposato da 35 anni, ho una figlia trentenne, un genero, un nipote. Militante dell’antagonismo sociale negli anni Settanta, ho proseguito il mio impegno sul fronte della solidarietà per i prigionieri degli anni di piombo, partecipando in prima persona alle campagne per la soluzione politica. Le mie posizioni da un marxismo critico di matrice operaista si sono evolute nella direzione di un radicale libertarismo. Col passare degli anni, ho spostato la mia attenzione dalla cronaca alla narrazione, dalla ricostruzione dei fatti ai dispositivi di costruzione delle storie...

L'alter-Ugo è la superfetazione del blog Fascinazione, chiuso alla fine di febbraio 2013, quando ha superato il milione di visitatori e poi riaperto e affidato alla cura del discepolo più devoto. Perché 25 anni di ricerca e osservazione sulla fascisteria bastano e avanzano anche a un maniaco compulsivo come me. Questo sito si occuperà ancora di politica e movimenti sociali ma offrirà pure una robusta documentazione d'archivio delle mie precedenti attività giornalistiche e costituirà lo snodo per accedere a tutti i miei canali del web 2.0 (blog, anobii, youtube, flickr)