Archivi del Blog

Il caso Fusaro-Casa Pound. Il confronto con i fascisti e una vicenda personale

Nei giorni scorsi la decisione del giovane genio del marketing marxista Diego Fusaro di rinunciare al dibattito annunciato a CasaPound ha avuto ampio risalto (vedi l’articolessa del Corriere della Sera). Avendo più volte attraversato l’intero ciclo produttivo di questo tipo

Pubblicato in fascisteria, nelle strade, nel Palazzo, Nello scrigno del tempo Taggato con: , , ,

Strage di Torre Annunziata, guerra di camorra nella Nuova famiglia

[La strage dell’agosto 1984 a Torre Annunziata, con 8 morti la domenica mattina davanti al Circolo dei pescatori, è uno dei più terribili episodi in quegli anni sanguinari] Le origini del massacro di domenica sono da ricercare nella stessa natura

Pubblicato in nelle strade, nel Palazzo Taggato con: , , , , , , , ,

La casa bianca vuole stravincere

[Nella seconda metà degli anni 80 era del tutto evidente che già suonava la campana a morte per l’impero sovietico, incalzato dalla sfida reaganiana nella corsa agli armamenti e soffocato dalla stagnazione economica] Ronald Reagan vuole stravincere. Dopo la lezione

Pubblicato in nelle strade, nel Palazzo Taggato con: , , , , , , ,

Il suicidio di Notre Dame: non c’entrano i gay ma è un estremo gesto politico

La lettura del messaggio finale di Dominique Venner conferma che il movimento anti-gay e l’integralismo cattolico non c’entrano proprio e che il suo è il gesto lucido e meditato di un pagano che intende offrire l’ultima testimonianza politica: “Sono sano

Pubblicato in fascisteria, nelle strade, nel Palazzo, Trenta giorni

Una candela accesa per gli immigrati del ghetto di Villa Literno

[Vent’anni fa, alla testa della mobilitazione degli immigrati africani in Terra di Lavoro c’era Dacia Valent, la leader nera all’epoca europarlamentare di Rifondazione comunista. Un pezzo scritto dopo l’assemblea degli immigrati nel Ghetto di Villa Literno] VILLA LITERNO E’ sempre

Pubblicato in nelle strade, nel Palazzo Taggato con: , , , , , ,

Una tragedia

[Sul Giornale di Napoli facevo spesso fondini su storie di camorra] C’è un aspetto esemplare nella tragedia di Amedeo Mazzara, il boss di Cesa che si è visto morire un figlio di droga. Non sappiamo se il traffico di stupefacenti

Pubblicato in nelle strade, nel Palazzo Taggato con: , , , , , , , , ,

Il piccolo mostro di New York

[Una storia horror] NEW YORK Ora anche la Grande Mela ha il suo piccolo mostro. Niente della grandiosità del mostro di Milwaukee, che dell’incredibile violenza subita in carcere aveva trovato la molla per tramutarsi nel più sadico e feroce dei

Pubblicato in nelle strade, nel Palazzo Taggato con: , , , ,

La lotta alla camorra non e’ questione di ordine pubblico

[A rileggerlo oggi, fuori contesto, e a ripensare a quello che era appena successo, il pezzo mi sembra inconsistente e inadeguato. Probabilmente rientrava in una più ampia e articolata campagna di polemica politica contro la gestione dell’ordine pubblico in Campania,

Pubblicato in nelle strade, nel Palazzo Taggato con: , , , , , , , , ,

La strage di Secondigliano una dimostrazione di geometrica potenza

[Una strage di camorra di vent’anni fa. In un quartiere ben noto alle cronache, Secondigliano. Ai danni di un clan ancora famoso: uno dei sopravvissuti dei Prestieri è infatti il pentito che ha inguaiato il superpoliziotto napoletano, il vicequestore Pisani,

Pubblicato in nelle strade, nel Palazzo Taggato con: , , , , ,

Il problema di rappresentare le minoranze

[Un pezzo sul congresso del 1986 del Pci, che con l’elezione di Occhetto alla segreteria prepara il terreno alla messa in liquidazione del partito] E’ dall’11 congresso che nel Pci non si apriva una cosi` franca, complessa, articolata discussione sulle

Pubblicato in nelle strade, nel Palazzo Taggato con: , , , , , , , , , , ,

Sono nato a Napoli nel 1956 e cresciuto a Posillipo. Vivo e lavoro a Potenza. Sposato da 35 anni, ho una figlia trentenne, un genero, un nipote. Militante dell’antagonismo sociale negli anni Settanta, ho proseguito il mio impegno sul fronte della solidarietà per i prigionieri degli anni di piombo, partecipando in prima persona alle campagne per la soluzione politica. Le mie posizioni da un marxismo critico di matrice operaista si sono evolute nella direzione di un radicale libertarismo. Col passare degli anni, ho spostato la mia attenzione dalla cronaca alla narrazione, dalla ricostruzione dei fatti ai dispositivi di costruzione delle storie...

L'alter-Ugo è la superfetazione del blog Fascinazione, chiuso alla fine di febbraio 2013, quando ha superato il milione di visitatori e poi riaperto e affidato alla cura del discepolo più devoto. Perché 25 anni di ricerca e osservazione sulla fascisteria bastano e avanzano anche a un maniaco compulsivo come me. Questo sito si occuperà ancora di politica e movimenti sociali ma offrirà pure una robusta documentazione d'archivio delle mie precedenti attività giornalistiche e costituirà lo snodo per accedere a tutti i miei canali del web 2.0 (blog, anobii, youtube, flickr)