Categoria: Senza categoria

12 dicembre 1970: ammazzan Saltarelli gli sbirri del questore

Saverio Saltarelli era nato a Pescasseroli nel 1947 ed era venuto a Milano per laurearsi in legge; nel 1970 era iscritto al terzo anno del suo corso di laurea e come tantissimi giovani di quegli anni era impegnato nelle lotte

E’ morto Sigaro, la voce della Banda Bassotti. Dal primo arresto ingiusto alla scelta della militanza

Chi lotta non sarà mai schiavo. Con un manifesto dalla grafica rigorosamente sovietica (sfondo rosso, falce, martello e stella con la corona d’allora) la Banda Bassotti saluta Angelo “Sigaro” Conti, chitarra e voce della banda punk ska che ha segnato

11 dicembre 1987. Eta rade al suolo caserma della Guardia Civil di Saragozza: 11 morti

Il bombardamento della caserma di Saragozza del 1987 fu un attacco con autobomba, organizzato dai separatisti baschi l’11 dicembre 1987. Un commando ETA parcheggiò un veicolo contenente 250 kg di ammonio accanto alla caserma della Guardia Civil di Saragozza. La

Emiddio Novi, il mio maestro di giornalismo

Lunedì scorso ho partecipato al meeting organizzato dalla famiglia Novi per celebrare il ricordo di Emiddio, il mio mentore. Un incontro intenso, partecipato, commosso, nella sala dei Baroni. Tra tutti gli interventi, qui disponibili su Radio Radicale, raccomando l’ascolto di

La polizia che spara e le retate preventive non fermano la rivolta francese

 Il sabato più temuto, quello che ha fatto parlare di manifestanti disposti “ad uccidere” e di atmosfera “da golpe”, è passato. Con incidenti gravi e violenza dilagante, ma molto più circoscritta rispetto alle settimane scorse. A gridare “Macron dimettiti” sono stati 125.000 manifestanti in tutta

Quadrelli: gilet gialli, lotta per le strade di Parigi e popolo della banlieue

Domani si annuncia un altro giorno di gloria per gli insorgenti francesi. Dopo la debacle inferta alla polizia  sabato scorso a Parigi, c’è grande attesa sulla prossima mobilitazione dei gilet gialli. Intanto però arriva, a confermare la nostra lettura della

2 dicembre 1977, Prima Linea gambizza Giorgio Coda psichiatra torturatore

Il 2 dicembre 1977 alle 18.30 un gruppo di fuoco di Prima Linea penetra nell’appartamento dove lo psichiatra Giorgio Coda fa visite private. Lo legano al termosifone e gli sparano alle gambe. 

27 novembre 1979: tutti condannati gli 8 fascisti per l’omicidio di Gaetano Amoroso

Il 27 novembre 1979 la Corte d’Assise di Milano emette la sentenza per l’omicidio di Gaetano Amoroso, un militante marxista leninista ucciso a coltellate da una banda di neofascisti, alla vigilia della morte di Sergio Ramelli. La mattina dopo il ferimento,

20 novembre 1994: ultras romanisti accoltellano un vicequestore a Brescia

All’epoca gli scontri di Brescia, con il vicequestore Selmin accoltellato prima della partita Brescia-Roma, fecero molto scalpore. Passò allora – e anch’io la ripresi nella prima edizione di Fascisteria per poi aggiustare il tiro nella seconda– la narrazione di una

13 novembre 1975, la strage dei Graneris. Un delitto in nero che segna un’epoca

È appena cessato l’eco dell’atroce delitto del Circeo. Gli intellettuali si rifiutano di accettare l’idea che a uccidere Pier Paolo Pasolini la notte del 2 novembre sia stato solo uno squallido marchettaro di Pietralata. Ed ecco una strage familiare rilancia

Top