Archivi del Blog

Strage di Manchester: il padre del kamikaze era fin troppo integrato

E’ stato un militare di carriera nell’esercito libico il padre dell’autore della strage di Manchester. La sua vicenda personale e professionale (fugge in Arabia a inizi anni 90 per addestrare i guerriglieri afghani poi ripara a Londra ma già nel

Pubblicato in terrorismo internazionale Taggato con: , , , ,

La strage di Manchester e le bugie che ci diciamo per rassicurarci

Di fronte a fatti drammatici come la strage di Manchester la gente si aggrappa alle proprie certezze mentre sarebbe importante sforzarsi di capire la complessità. A destra insistono: non è un britannico mentre ancora una volta lo jihadista è figlio

Pubblicato in conflitto sociale, i politici dell'odio, terrorismo internazionale Taggato con: , , , , , ,

Ieri dicevamo… la strage di Berlino e il santuario italiano

L’Italia è un retroterra non operativo sul piano militare ma funzionale alle missioni da compiere. Il terrorista di Nizza era stato in Italia pochi giorni prima, così come il tunisino probabile autore della strage di Berlino è stato in carcere

Pubblicato in terrorismo internazionale

Improvvisa ondata terroristica: stragi in Turchia, Egitto, Somalia

Improvvisa fiammata del terrorismo internazionale dopo un paio di settimane di aparente “tranquillità: nel giro di dodici ore ben tre le stragi cariche di forte valenza simbolica per i bersagli scelti: lo stadio del Besiktas a Istanbul (38 morti è

Pubblicato in terrorismo internazionale Taggato con: ,

9 dicembre 2003: le kamikaze cecene fanno strage a Mosca

Un attentato suicida scuote la Russia due giorni dopo le elezioni federali che hanno consacrato Vladimir Putin e il suo partito alla guida del Paese. Due donne suicide si sono fatte esplodere a Mosca nella centralissima via Tverskaia, vicino alla

Pubblicato in terrorismo internazionale Taggato con: , , ,

6 dicembre 1992: ultras induisti radono al suolo a mani nude la moschea di Ayodhya

Migliaia di estremisti indù armati di martelli, bastoni e piedi di porco il 6 dicembre 1992 assaltano la grande moschea di Ayodhya, nello Stato settentrionale dell’ Uttar Pradesh. Il tempio islamico dalle tre cupole è raso al suolo. Per reazione, si

Pubblicato in terrorismo internazionale Taggato con: , , , , ,

6 dicembre 1989. “Odio le femministe”: massacro al Politecnico di Montreal

Il 6 dicembre del 1989, un canadese di origini franco-algerine,  Marc Lépine, 25 anni compie il primo femminicidio di massa. Teatro del massacro la sala del Polytechnique di Montreal. Come poi, 25 anni dopo, in alcune circostanze i terroristi islamici

Pubblicato in i politici dell'odio, terrorismo internazionale Taggato con: , , , ,

4 dicembre 1969: raid contro le Pantere nere, uccisi Hampton e Clark

Manca all’alba poco più di un’ora quando otto agenti di polizia dell’ufficio del procuratore della contea di Cook strisciano verso la parte anteriore di una palazzina a due piani nel West Side di Chicago. Altri sei ufficiali controllano la porta sul

Pubblicato in i politici dell'odio, terrorismo internazionale Taggato con: , , , ,

3 dicembre 1934: nasce Abimael Guzmán, il capo di Sendero Luminoso

La strada che conduce ad Ayacucho è impervia e percorrendola vi si respira un’aria misteriosa. Situata al centro della Sierra peruviana, la città è stata, per lungo tempo, segnata dalla miseria estrema. Spazialmente e culturalmente lontanissima da Lima e dai

Pubblicato in conflitto sociale, terrorismo internazionale Taggato con: , , , ,

Somalo assalta un campus in Ohio. Ucciso dalla polizia

Paura in un campus universitario a Columbus, in Ohio, per un assalto solitario immediatamente stroncato da un poliziotto.  L’autore dell’attacco al college dell’Ohio è stato identificato “provvisoriamente” come un 18enne somalo: lo riferisce la Cbs citando dirigenti federali. Anche se non

Pubblicato in i politici dell'odio, terrorismo internazionale

Sono nato a Napoli nel 1956 e cresciuto a Posillipo. Vivo e lavoro a Potenza. Sposato da 35 anni, ho una figlia trentenne, un genero, un nipote. Militante dell’antagonismo sociale negli anni Settanta, ho proseguito il mio impegno sul fronte della solidarietà per i prigionieri degli anni di piombo, partecipando in prima persona alle campagne per la soluzione politica. Le mie posizioni da un marxismo critico di matrice operaista si sono evolute nella direzione di un radicale libertarismo. Col passare degli anni, ho spostato la mia attenzione dalla cronaca alla narrazione, dalla ricostruzione dei fatti ai dispositivi di costruzione delle storie...

L'alter-Ugo è la superfetazione del blog Fascinazione, chiuso alla fine di febbraio 2013, quando ha superato il milione di visitatori e poi riaperto e affidato alla cura del discepolo più devoto. Perché 25 anni di ricerca e osservazione sulla fascisteria bastano e avanzano anche a un maniaco compulsivo come me. Questo sito si occuperà ancora di politica e movimenti sociali ma offrirà pure una robusta documentazione d'archivio delle mie precedenti attività giornalistiche e costituirà lo snodo per accedere a tutti i miei canali del web 2.0 (blog, anobii, youtube, flickr)