Calendiario. 5 settembre 1975: attentato al presidente Ford

fordIl 5 settembre del 1975 tentò di assassinare l’allora presidente americano Gerald Ford a Sacramento. Ora Lynette “Squeaky” Fromme torna in libertà. La donna, seguace di Charles Manson, condannata all’ergastolo per il fallito attentato all’allora inquilino della Casa Bianca e dopo vari tentativi di fuga, è rimasta fino a oggi al Federal Medical Center di Carswel, in Texas, dopo avere rifiutato la libertà condizionale quasi 25 anni fa. Dopo più di trenta anni dietro le sbarre, la Fromme, che oggi ha 60 anni, ha terminato di scontare la sua pena, grazie anche ai benefici previsti dalla legge.

Non aveva che 26 anni , “Squeaky” (questo il soprannome della Fromme perché, secondo Manson, «quando faceva l’amore squittiva come uno scoiattolo») quando si ritrovò, vestita da suora, a puntare una pistola semi-automatica contro Ford a Sacramento. Per lei, ultimo membro della Family di Manson a finire sulle prime pagine dei giornali per vicende criminose, Ford era colpevole di crimini contro il Pianeta. Al suo difensore raccontò poi di aver inscenato l’attentato al presidente perché «voleva più attenzione per un nuovo processo» per Manson (condannato per aver orchestrato gli omicidi dell’attrice Sharon Tate e di altre otto persone in California nel 1969) e per gli altri membri della «Famiglia». Gli agenti dei servizi segreti riuscirono a bloccarla e il presidente ne uscì illeso. La Fromme ha lasciato il carcere texano di Carswel venerdì alle 8, secondo quanto riferito dalla portavoce Felicia Ponce.

Fonte: Corriere della Sera, 14 agosto 2009

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*