Berkeley, anarchici spazzano via i dimostranti pro-Trump

Black block scatenati a Berkeley, la patria della contestazione giovanile e dei movimenti contro la guerra negli anni ’60, divenuta teatro dell’ennesimo showdown tra destra e sinistra alternative. La manifestazione contro l’odio indetta dai supporter di Donald Trump ieri pomeriggio, nel parco M.L. King, era stata annullata ma un piccolo numero di sostenitori del presidente si sono comunque recati sul posto e sono stati bersaglio di un raid di decine di anarchici, vestiti di nero e mascherati, che hanno pestato almeno 5 dimostranti avversari dopo essersi sganciato da un corteo di qualche migliaio di antifascisti. La polizia ha arrestato 14 dimostrantiberkeley

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l’autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*