10 ottobre 1948: nasce Carlo Terracciano

carlo terraccianoDecano degli studi geopolitici» – così eravamo soliti chiamarlo – Carlo Terracciano lo è stato davvero, in un’Italia che (per riprendere i concetti di uno studioso a lui caro, Ernesto Massi) di tale disciplina non si era più occupata, da quando la superpotenza che pratica la geopolitica aveva fatto in modo che i popoli sottomessi non la studiassero e non fossero quindi tentati di praticarla. L’interesse di Carlo Terracciano per la geopolitica nacque infatti da un impegno militante, che si sviluppò attraverso varie esperienze politiche e culturali, ma rimase costantemente ispirato a un preciso ideale: il recupero dell’identità e della libertà europee nel più ampio contesto dell’Eurasia, in un rapporto di stretta solidarietà con tutti i popoli e tutte le forze politiche che rifiutano il “progetto mondialista della globalizzazione”. Fu questo proposito di lotta a portarlo prima nell’Iran rivoluzionario e poi a Mosca, dove la colonizzazione occidentale della Russia trovava una forte opposizione negli ambienti nazionalisti e comunisti. E a Mosca ebbe luogo l’incontro con il pensiero eurasiatista, che fornì a Carlo Terracciano l’orientamento decisivo per continuare la sua battaglia. Una battaglia combattuta fino all’ultimo: ancora pochi mesi prima di essere sopraffatto dal male, trovò la forza per partecipare come relatore alla conferenza bolognese di Aleksandr Dugin. Grati per l’apporto culturale che ha recato alla nostra iniziativa, per l’entusiasmo che ha saputo infondere in noi e per l’esempio che ci ha lasciato, lo salutiamo per l’ultima volta.

Così uno dei suoi più stretti sodali, Claudio Mutti, riconosceva, in occasione della sua morte, il debito del movimento eurasiatista nei confronti di Carlo Terracciano, intellettuale di spicco della corrente rossobruna, nato il 10 ottobre 1948. Raccontarne le vicende militanti, in un percorso che lo porta ad attraversare molteplici esperienze politiche e culturali, non rende bene conto della sua personalità: dal FdG con Tarchi alla solidarietà con i detenuti degli anni di piombo, che lo costrinse a vivere sulla sua pelle l’esperienza della galera, in un’inchiesta poi del tutto afflosciatasi, dal sodalizio con Freda al Fronte europeo di Liberazione, dal tentativo di animare una tendenza nazionalcomunista nel Fronte nazionale alla sua ultima creatura, il circolo Limes. A ciascuno di queste esperienze corrisponde una testata, tutte importanti nella storia della destra radicale: dalla Voce della Fogna a Quex, da Risguardo a Orion, dal Rosso è Nero a Nazione Eurasia. Ma anche in questo caso la sua robusta attività pubblicistica si intreccia con una più complessa attività di studio e di ricerca che mette capo a una significativa produzione saggistica il cui testo centrale è rappresentato da “Rivolta contro il mondialismo moderno”. Ogni anno, in occasione del suo compleanno, Alessandra Colla gli dedica uno splendido pezzo: con questo link potrete accedere alla serie completa.
A me piace ricordarlo qui con uno dei suoi testi più icastici:

Dio maledica l’America, bestemmia vivente al nome d’ogni Dio

Jahvè maledica l’America, che usa il suo nome per sottomettere il mondo

Allah maledica l’America, che rende schiavi ed uccide i suoi figli

Brahman maledica l’America e il decimo Avatara di Vihsnu riporti l’Ordine sulla Terra

Amaterasu-o-Kami maledica l’America, che disintegrò i suoi figli in un fungo di fuoco

Manitù maledica l’America, che attuò il genocidio del suo popolo libero

Viracocha maledica l’America, che tiene schiavo il suo popolo

Horus maledica l’America, che ha fatto a pezzi il corpo dell’Egitto

Ahura-Mazda maledica l’America, che versò il sangue dei suoi figli sul Fuoco Sacro

Odino maledica l’America, che ha disonorato l’onore d’ogni guerriero

Zeus maledica l’America, nemica d’Europa nel Bello e nel Buono

Il Grande Cielo maledica l’America, che ha sporcato il mondo sopra e sotto di Lui

Ogni Bodhisattva maledica l’America, regno d’ogni menzogna, nemica d’ogni Verità

Gea maledica l’America, che sfigura e distrugge la Madre Terra

Ogni Dio, conosciuto e sconosciuto maledica l’America,regno del materialismo.

Ogni essere vivente maledica l’America, che prepara l’annientamento del mondo.

Satana maledica l’America, che ha usurpato persino il suo nome.

Uomo maledici l’America, la Bestia Immonda nemica dell’Uomo.

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*