Ci provano ancora ma a Napoli nessuno cerca la vendetta per Ciro Esposito

Cattura

A lanciare l’allarme ieri sera erano stati in contemporanea il Messaggero e  la Repubblica: “Accoltellato tifoso della Roma”. E parlano subito di una vendetta per Ciro. Anche se, già a leggere le prime notizie, era evidente che si trattava di poco più di un graffio: il giovane (si fa per dire: 36 anni) ha aspettato due ore al pronto soccorso ed èstato dimesso con 5 giorni di prognosi, per cui si è rimesso in viaggio per rientrare a Roma.

Stamattina il Messaggero persiste, come si vede nello screenshot riprodotto all’inizio del post:

«Questo è per Ciro». Sarebbero queste le parole che hanno preceduto la coltellata inferta a Rodolfo Pianigiani, un trentacinquenne romano che è stato ferito ieri sera poco distante dalla stazione di piazza Garibaldi a Napoli. Il giovane, secondo quanto ha raccontato ai soccorritori del 118, ai medici che lo hanno assistito e al drappello di polizia dell’ospedale, sarebbe stato prima insultato da un gruppetto di napoletani con cui stava parlando, fino ad arrivare alla stilettata nel fianco raggiunto, secondo la versione del romano, da un fendente con un piccolo coltello.

Cattura2

Repubblica ha invece raddrizzato il tiro, a metà, con sapiente logica di diferenziazione geografica. Nella pagina napoletana si legge infatti:

“La Digos della questura di Napoli, dopo i primi accertamenti, esclude che il ferimento di R.P., 36 anni, romano, avvenuto ieri a Napoli in piazza Garibaldi, nell’atrio della Stazione centrale, sia da collegare a rivalità tra tifosi. Proseguono le indagini per chiarire del tutto le modalità dell’episodio. Il ferito – medicato in ospedale e poi dimesso con prognosi di cinque giorni – aveva detto ai medici di essere stato aggredito nei pressi della stazione ferroviaria di piazza Garibaldi da un gruppo di persone che lo avevano preso di mira sentendolo parlare con accento capitolino, e che ferendolo avrebbero detto “questo è per Ciro”, in riferimento alla morte di Ciro Esposito, il tifoso azzurro colpito gravemente fuori dello stadio Olimpico e morto dopo una lunga agonia”.

Cattura4

Ma nell’edizione romana si sono limitati ad aggiornare il titolo mentre  il testo disponibile è ancora quello di ieri sera e non è stato sostituito con quello usato nella pagina per Napoli:

cattura3

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , , ,
2 comments on “Ci provano ancora ma a Napoli nessuno cerca la vendetta per Ciro Esposito
  1. jommelli ha detto:

    Eccellente, come sempre!

    E infatti, oggi il CorrMezz riporta che il fatto non solo non è legato al calcio ma non è nemmeno avvenuto a Napoli (Afragola)
    “Pianigiani colpito a Afragola durante un litigio con un amico”

    Sul Mattino: “La vittima sentita in questura a Roma ha smentito la prima versione dei fatti”

    Ma la notizia più importante della giornata è un’altra:
    Sempre dal Mattino: Ciro Esposito – Altri 4 romanisti indagati per omicidio.

    ps: MAI, ripeto MAI, con si parla di fattacci riguardanti la Roma e la sua tifoseria, fidarsi dei giornalisti con la sciarpetta romani e romanisti del Menzognero e di Repubblica

    • Ugo Maria Tassinari ha detto:

      E infatti sto pubblicando il post sugli aggiornamenti di cronaca ma anche sulla discussione i rete sulla (presunta) guerra tra tifosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*