6 dicembre 1975: con gli scontri al corteo delle donne Lotta continua comincia a morire

Il 6 dicembre 1975, la prima grande manifestazione nazionale delle donne  per l’aborto segna lo strappo tra Lotta Continua e il Movimento femminista. Una rottura che sarà tra le principali cause della dissoluzione del gruppo meno di un anno dopo.
Gli accordi sono chiari: niente striscioni di organizzazione, compagni in fondo al corteo, servizio d’ordine di sole donne. Ma un pezzo grosso di Lotta Continua a Roma non ci sta. Sono in piazza da quindici giorni. Dalla morte di Pietro Bruno (vittima di un errore di valutazione del servizio d’ordine di LC) è partita una forte mobilitazione studentesca contro il governo. 
Così a piazza Cavour è schierato uno spezzone di corteo antagonista all’autonomia delle donne. Lo apre uno striscione della sezione Cinecittà di Lotta Continua, seguono militanti di entrambi i sessi. Lo irrobustiscono compagni e compagne dell’Autonomia. Cercano di entrare a metà del corteo. Scatenanano così la reazione furiosa delle donne, anche di lotta Continua, che partecipavano convintamente alla manifestazione. 

Sugli incidenti che ne nacquero si dibatté a lungo sia in Lotta Continua sia nell’intera galassia della sinistra radicale. Le manifestazioni di sole donne diventarono una pratica comune. L’esplosione del movimento femminista fu una contraddizione lacerante, che trovò le organizzazioni impreparate. La difficoltà si trasformò in una consistente spaccatura che si ripropose per lungo tempo dentro i movimenti. Anche per questo la forma politica dei gruppi andò verso l’esaurimento che fu sancito con il congresso di Rimini di LC del 1976.

Il documento della segreteria nazionale di LC

Significative le conclusioni del documento della segreteria nazionale di Lotta Continua sull’incidente. Pubblicato pochi giorni dopo gli scontri,  evidenzia la clamorosa sottovalutazione del disastro da parte del gruppo dirigente.

All’origine dei fatti di sabato non c’è soltanto, e nemmeno in primo luogo, il ruolo della contraddizione tra uomo e donna così come essa si manifesta tra le masse, nel nostro partito, e nella linea politica del nostro partito. Quelli che sono entrati in contrapposizione, nel corteo di sabato, sono due aspetti del nuovo di questa fase della lotta di classe che Lotta Continua, per la debolezza della sua discussione sul movimento delle donne, non ha saputo ricondurre ad unità. 
Il salto politico compiuto dal proletariato femminile, che a partire dalle specificità delle sue lotte, dei suoi bisogni e della sua condizione, ha saputo ricondurre tutti questi contenuti all’unità di una manifestazione contro il governo di una forza mai vista.

La morte di Pietro Bruno e la piazza romana

La situazione specifica della nostra sede di Roma che da due settimane grazie al peso e alla qualità della sua iniziativa politica, che l’ha impegnata in una contrapposizione costante e vincente contro tutte le altre forze della sinistra, ha saputo tradurre la rabbia e l’emozione con cui decine di migliaia di studenti hanno risposto all’assassinio di Pietro Bruno  con una lotta che rivendica la caduta del governo Moro che ha saputo tenere la piazza, e che proprio per questo si è saldata ed ha dato l’espressione più compiuta al contenuto centrale dello scontro di classe in questa fase.

Ciò che ha posto molti compagni e compagne della sede di Roma in aperta contrapposizione con il contenuto centrale del corteo di sabato è stato il tentativo di farsi portatori, anche in questa manifestazione, ma questa volta completamente dall’esterno e senza nessuna preparazione politica, specifica, della parola d’ordine della caduta del governo Moro; senza accorgersi che, ben lungi dall’aver bisogno di un tale supporto, questa stessa parola d’ordine era maturata e si era fatta egemone dall’interno del corteo di sabato e del movimento che lo ha espresso. 
E’ stato un errore gravissimo; esso non rimanda solo ad una approfondita discussione sul ruolo del movimento delle donne; rimanda ad un tema che è centrale per tutti i settori della lotta di classe in questa fase: il ruolo dell’iniziativa di partito all’interno del movimento.

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*