Il corteo no tav a Torino: una marcia trionfale. Appendino: vecchio modello di sviluppo

“Mentre la coda del corteo non ha ancora lasciato piazza Statuto, possiamo gia’ dire che siamo 70.000 e faremo i conti finali in piazza Castello. Una marea ’No Tav’”. Cosi’ il comitato che si oppone alla Torino-Lione in una nota con la quale ha diramato una prima stima delle presenze nel centro di Torino.

“E’ il più grande corteo No Tav di sempre”, sostengono gli oppositori alla Torino-Lione su notav.info, il sito internet di riferimento del movimento che si oppone alla nuova linea ferroviaria ad Alta Velocità. “I conti esatti li facciamo all’arrivo in piazza Castello”, dicono,  sostenendo che quella di oggi verrà  ricordata come una “data storica”.
“La valle invade Torino che si tinge dei colori notav. Lo slogan è chiaro, c’eravamo, ci siamo e ci saremo sempre. L’idea di futuro di una cricca di industriali alla canna del gas non rappresenta la Val Susa, non rappresenta Torino e non rappresenta questo Paese – scrivono ancora i No Tav -. Messa in sicurezza dei territori, investimenti nella scuola e nella sanità , tutela dell’ambiente queste sono le priorità  che si leggono sui cartelloni e gli striscioni.
Un gruppo di anarchici ha contestato Guido Montinari, il vicesindaco pentastellato di Torino. La sindaca di Torino, la grillina Appendino ha espresso esplicito sostegno alla manifestazione: “La tav esprime un vecchio modello di sviluppo”, ha commentato

In piazza anche gilet gialli francesi

Una piazza dai 0 agli 80 anni tutte le anime di un movimento che è diventato un incubo per tutti e 19 i governi che ha visto passare nella sua lunga storia. Un diverso modo di vivere insieme e di immaginarsi un futuro radicalmente diverso dal disastro economico, etico ed ecologico degli ultimi trent’anni”.  Anche un gruppo composto da una ventina di persone provenienti dalla Francia, aderenti al movimento dei gilet gialli, è presente alla manifestazione No Tav di Torino. Si tratta principalmente di amministratori della regione francese della Maurienne.  Proprio un amministratore francese intervenendo dal palco ha spiegato: “Siamo il movimento che unisce l’opposizione franco-italiana al Tav. Combattiamo il progetto della Torino-Lione e proponiamo l’uso della linea esistente. Ricordate che anche in Francia l’opposizione è ampia”.

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*