Columbine in Crimea: studente 18enne ammazza 19 persone a scuola e si uccide

Crimea

Strage in stile ’Columbine’ in una scuola in Crimea, penisola ucraina annessa dalla Russia nel 2014. Un 18enne ha aperto il fuoco nell’istituto tecnico in cui studiava a Kerch e ha ucciso almeno 19 persone, prima di suicidarsi. Al momento si ignora il movente e le autorità non hanno classificato l’attacco come atto terroristico.

L’assalto, avvenuto subito dopo un’esplosione all’interno dell’edificio (secondo le testimonianze), si è concluso a fine mattinata. “L’autore dell’attacco, Vladislav Rosliakov, si è suicidato con un’arma. È un allievo del quarto anno. Il suo corpo è stato scoperto all’interno della biblioteca”, ha dichiarato il primo ministro di Crimea, Sergei Aksionov, all’emittente televisiva Rossiya 24, aggiungendo che l’autore della strage – che percepiva una borsa di studio – non aveva mai dato segnali di aggressività nell’istituto e non aveva precedenti. “Non è un atto terroristico […], è un omicidio di massa provocato da un singolo individuo”. In un primo tempo, il Comitato d’inchiesta si era limitato a parlare di “un ordigno esplosivo non identificato imbottito di oggetti metallici” azionato nella mensa dell’istituto
Il bilancio è di diciannove morti e di una quarantina di feriti, secondo i servizi di soccorso locali che non hanno chiarito se questo dato prendesse in considerazione il killer: “L’esame preliminare dei corpi indica che le vittime sono morte per ferite da proiettile”.
“Ho avvertito spari al primo piano. Ci siamo tutti precipitati nel corridoio, dove le persone correvano e urlavano che un uomo con una mitraglietta sparava su
chiunque” gli capitasse a tiro, ha raccontato uno studente, che ha chiesto di restare anonimo, “In seguito, c’è stata una potente esplosione ma fortunatamente ero già fuori. Ho visto che l’onda d’urto ha mandato in frantumi le finestre”. Nei filmati diffusi attraverso i social network e le telecamere di videosorveglianza, si può notare un ragazzo con i capelli corti, che indossa una t-shirt bianca e un pantalone nero, su una scala, con un fucile in mano.
Il presidente russo ha espresso le condoglianze ai familiari delle vittime, il premier della Crimea ha proclamato tre giorni di lutto nazionale.

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*