Solo 2 anni al carabiniere che uccise Davide: corteo a Napoli


Omicidio Bifolco, pena ridotta e sospesa al carabiniere che sparò. I parenti: "Come se avesse ucciso un cane"

“L’omicidio di mio figlio è stato un omicidio volontario e non colposo, e per la morte di Davide il suo assassino ha avuto solo 2 anni. E’ tutto falsato, e se 
questa é la giustizia italiana allora siamo rovinati. Siamo  stati trattati cosi’ perche’ siamo della periferia di Napoli”.

Così Gianni Bifolco, padre di Davide, a 16 anni morto a Napoli per un proiettile partito dalla pistola di un carabiniere che è inciampato mentre lo inseguiva. La decisione della Corte d’Appello ha ridotto la pena da 4 a 2 anni, scatenando l’ira dei familiari. 
“Ho perso un figlio di 16 anni senza un perché e non me ne riesco a fare capace e se potessi parlare a quello che lo ha ucciso gli chiederei perché ce l’aveva con Davide e perché non é mai venuto da me a chiedere perdono. Non andrà in carcere perché è un carabiniere, ma ha commesso un omicidio”, dice ancora l’uomo che ritiene che le prove “sono state inquinate, che non sono state fatte le indagini come si deve”.  Circa 100 persone hanno dapprima sfilato in corteo lungo via Cinthia, nel quartiere napoletano di Fuorigrotta, e poi bloccato solo per pochi minuti il traffico nei pressi dell’uscita della Tangenziale. In piazza sono scesi amici e conoscenti di Davide Bifolco per protestare contro la sentenza della  Corte di Appello di Napoli ha emesso la sentenza e ha drasticamente  ridotto la pena inflitta in primo grado al militare imputato, da 4 anni e 4 mesi a 2 anni, con pena sospesa. Una decisione fermamente contestata dai familiari del ragazzo che hanno deciso di scendere in piazza sfilando in corteo ed esponendo alcuni  striscioni.

Per approfondire

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*