Derby di Roma, accorrono ultras da tutt’Europa per la “guerra etnica”

È di un arresto e 4 denunce il bilancio finora dell’attività di prevenzione disposta dalla Questura di Roma fin dal pomeriggio di sabato in occasione del derby. Una partita dal clima rovente: ha assunto dimensioni virali la circolazione del video dell’ultrà biancazzurro che catechizza calciatori e dirigenti della Lazio: “per noi non è una partita, è una guerra etnica”. E a questa chiamata militare hanno risposto ultras di tutt’Europa. Sono già più di 100 e provengono da Bulgaria (52), Inghilterra (20), Germania (12), Francia (7), Svezia (2), Croatia (5), Polonia (5), Spagna (11). Tutti controllati e registrati con documento e tutti in possesso di biglietti del settore nord.  Intanto nella notte 5 tifosi laziali, tutti già colpiti da daspo, sono stati fermati in strada nelle zone del centro e trovati in loro possesso mazze e bastoni. Uno di loro, individuato come il detentore materiale, è stato arrestato mentre gli altri 4 sono stati denunciati e daspati.

 

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*