27 aprile 1976: neofascisti milanesi feriscono a morte Gaetano Amoroso

gaetano amorosoGaetano Amoroso, insieme ad altri compagni del Comitato rivoluzionario antifascista di porta Venezia, fu aggredito e accoltellato la sera del 27 aprile 1976, in via Uberti, da un gruppo di fascisti (Cavallini, Folli, Cagnani, Pietropaolo, Terenghi, Croce, Frascini, Forcati) tutti provenienti alla sede del Msi di via Guerrini. Muore il 30 aprile.

Gaetano Amoroso aveva 21 anni, lavorava all’Acfa come disegnatore di fibbie e, studente-lavoratore, di sera frequentava l’ultimo anno del corso serale presso la Scuola artistica del Castello che oggi porta il suo nome.
Era entrato giovanissimo a far parte della Lega degli artisti del Vento Rosso, organismo culturale del Partito comunista marxista leninista (Servire il Popolo), nella quale aveva trovato il modo di esprimere le sue esigenze politiche e artistiche, dipingendo murales.

La presenza fascista all’interno del quartiere in cui viveva e una forte spinta antifascista dopo l’uccisione di Claudio Varalli e Giannino Zibecchi lo spinsero a creare e organizzare, insieme ad altri compagni, il Comitato antifascista di porta Venezia.

L’agguato mortale innescherà una spirale di violenze. Prima ancora che si spenga la sua vita, la mattina del 29 aprile, un commando di militanti armati dell’area dei Comitati comunisti per il potere operaio (Senza tregua) decide e attua la rappresaglia. E’ freddato a colpi di pistola il consigliere provinciale dell’MSI Enrico Pedenovi, che era tra gli attivisti neofascisti schedati nel volume pubblicato da Lotta continua “Pagherete caro, pagherete tutto”.

La polizia per evitare un effetto a catena arresta immediatamente gli assassini di Gaetano, grazie a una soffiata di Giorgio Muggiani, esponente dei Comitati tricolore. In gioventù aveva partecipato al “furto” della salma del Duce, insieme al più noto Domenico Leccisi. Per punire il delatore, cinque anni dopo Gilberto Cavallini organizzerà un commando dei Nar composto da lui, Alessandro Alibrandi e Walter Sordi. I tre sono però intercettati da un’auto civetta. Nel confitto a fuoco restano uccisi due sottufficiali della Digos.

 

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*