Il caso Gallo. Il prof. Masullo, io e la maledizione del ‘900

masullo

Il mio antico “vice” Roberto Russo mi ha fatto un regalo mica male, ieri: nel chiedermi un’intervista per il Corriere del Mezzogiorno sul caso Gallo si è dimenticato di dirmi che la mia testimonianza sarebbe stata contrapposta (la vecchia lezione di Paolo Mieli) alle opposte considerazioni del professor Aldo Masullo. Un contastorie di strada contro il decano dei filosofi morali. Troppo grazia, davvero. Trovo quindi decisamente fuori luogo certe facili ironie e toni superficialmente liquidatori di diversi supporter di Norberto nella polemica contro l’ex parlamentare della sinistra indipendente.
No, il professore non dice sciocchezze ma esprime un grumo di pensiero forte, profondamente abbarbicato nel Novecento, con cui occorre ancora una volta fare i conti: con il nemico non si parla. Un’idea potente e terribile che ha segnato l’asperrimo corso della guerra civile europea. Ovviamente, a questo punto, tocca passare a un più antico filosofo tedesco del diritto. Perché applicare Schmitt a un provvedimento della Cgil conferma la piena vigenza dell’aforisma hegeliano sulla storia che si ripete in farsa…
Ps: Per chi se l’è persa qui il testo della mia intervista.

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l’autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*