Hebron “città chiusa” ma continuano gli attacchi palestinesi

Continuano gli attacchi della guerriglia palestinese a Hebron. Dopo l’omicidio della ragazzina di Kyriat Arba, sorpresa nel suo letto da un giovane sicario poi ucciso, oggi si sono registrati due attacchi. Una palestinese ha tentato di accoltellare delle guardie di confine israeliane ad un check point nei pressi della Tomba dei Patriarchi. Lo dice il portavoce della polizia Micky Rosenfeld secondo cui la donna è stata uccisa dalla reazione delle forze di sicurezza. Un coltello è stato trovato sul posto. Nel frattempo ingenti forze di polizia sono state schierate a Gerusalemme per l’ultimo venerdì di preghiere del Ramadan

Un morto e tre feriti è il bilancio dell’attacco armato condotto contro un’automobile israeliana presso Hebron (Cisgiordania). La tv commerciale israeliana Canale 2 ha riferito che la vettura è stata colpita da spari, forse da un’auto palestinese in corsa, poi si è ribaltata ed è uscita di strada. Secondo l’esercito israeliano l’attacco è stato condotto da ”terroristi”. Perlustrazioni sono in corso sul terreno, ha detto un portavoce militare, per catturare gli assalitori.

Scatta intanto la prima rappresaglia del governo israeliano. Il premier Benyamin Netanyahu ha ordinato che l’ammontare delle somme che l’Autorità Nazionale Palestinese (Anp) versa “ai terroristi e alle loro famiglie” sia “immediatamente dedotto dalle entrate delle tasse che Israele trasferisce ogni mese alla stessa Anp”. Lo rende noto l’ufficio del primo ministro. Inoltre l’esercito ha deciso la “chiusura” della città di Hebron, in Cisgiordania, e dei suoi dintorni dopo gli attentati di ieri ed oggi contro israeliani e sono stati schierati altri due battaglioni di soldati.

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*