Mimmo Lucano: rifarei mille volte quelle illegalità per salvare persone

“Sono amareggiato, ma ho fiducia e sto bene, malgrado ciò che è accaduto. E sono convinto che il ’modello Riace’ andr  avanti”. Si è mostrato fiducioso Domenico Lucano, sindaco di Riace, agli arresti domiciliari da martedì scorso, con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e di avere commesso illeciti nell’affidamento da parte del Comune del servizio di raccolta dei rifiuti, parlando in serata in collegamento con “Propaganda
Live”, la trasmissione condotta su La7 da Diego Bianchi. Un collegamento  che ha destato grande scalpore sui social ma che è stato reso possibile dal gip che non ha imposto nessuna limitazione ai contatti e al diritto di comunicazione anche con non familiari. “Quanto è accaduto – ha aggiunto – mi sembra assurdo. Mi accusano di avere commesso delle illegalità  e di essere andato oltre la legge. Ma io rifarei mille volte quelle illegalità  di cui mi accusano pur di salvare una sola vita umana”.

Il sindaco di Riace dovrà  attendere la prossima settimana per sapere se potrà  tornare in libertà . Il Gip di Locri, Domenico Di Croce, infatti, a conclusione dell’interrogatorio di garanzia cui giovedì ha sottoposto Lucano, non ha preso alcuna decisione sulla custodia cautelare perché non è stato investito della questione dai difensori, Antonio Mazzone e Andrea Daqua. I due penalisti si sono riservati la carta dell’istanza di rimessione in libertà  per Lucano davanti al tribunale della libertà  di Reggio Calabria, a cui farà ricorso anche il Procuratore della Repubblica di Locri, Luigi D’Alessio, che ha diretto l’inchiesta che ha portato all’arresto di Lucano. La
richiesta che il Procuratore D’Alessio rivolgerà  ai giudici del riesame sarà  quella di prendere in considerazione le contestazioni a carico di Lucano che sono state escluse dal Gip Di Croce, tra cui associazione per delinquere, concussione, truffa aggravata, abuso d’ufficio e malversazione. Al Tribunale del riesame la Procura di Locri chiederà  anche di pronunciarsi sulla posizione di alcuni dei 14 indagati per i quali aveva chiesto l’arresto,  richiesta rigettata dal giudice, che ha disposto l’applicazione della custodia cautelare soltanto per Lucano ed il divieto di dimora per la sua compagna, Tesfahun Lemlem, di 36 anni.

Le manifestazioni a Riace e a Milano

Oggi pomeriggio, intanto, si svolgerà  a Riace una manifestazione  organizzata da alcune associazioni per esprimere solidarietà  a Mimmo Lucano. Il corteo si concluderà  sotto l’abitazione dove il sindaco di Riace, sospeso dal Prefetto di Reggio Calabria in seguito all’arresto, si trova ai domiciliari. Un’altra manifestazione a sostegno di Lucano è in programma sempre oggi pomeriggio a Milano, in Piazza San Babila, organizzata da “Milano Antifascista Antirazzista Meticcia e Solidale” e “Nessuna Persona è Illegale”. Slogan dell’iniziativa promossa nel capoluogo lombardo è: “La solidarietà  non si arresta. Mimmo Lucano libero subito!”.

L’intercettazione fasulla e il vero testo

Mimmo Lucano e il matrimonio fasullo: il testo integrale dell’intercettazione
Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*