7 novembre 1979: i lanciamissili palestinesi e l’arresto dei 3 “Volsci”

lanciamissili

Il 7 Novembre 1979 un esponente del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP), “Fausto” contatta telefonicamente Giorgio Baumgartner, militante autonomo del collettivo Policlinico.  Il medico della Clinica ortopedica universitaria lo conosce bene. Con “Fausto” ha collaborato in più occasioni. Hanno raccolto medicinali da inviare nei campi profughi palestinesi, da sempre bersaglio delle rappresaglie aeree israeliane.
Stavolta, Giorgio deve recuperare d’urgenza una grossa cassa depositata in un punto della Roma – Pescara e trasportarla a Ortona, provincia di Chieti. Decide di farsi aiutare da altri due compagni di Via dei Volsci, Daniele Pifano e Luciano Nieri. I tre imboccano il casello autostradale intorno alle 21,30. Giorgio guida un camper piuttosto malandato insieme a Luciano. 
Nella fretta ha dimenticato a casa tutti i documenti, patente compresa,  Daniele li segue in una fiat 500. La assoluta disorganizzazione conferma il carattere del tutto improvvisato e occasionale del trasporto

Catturati per sbaglio

La cassa viene recuperata in autostrada e portata nella piazza di Ortona dove sarebbe dovuto avvenire lo scambio. Nella stessa piazza pochi giorni prima, era stata rapinata una banca. Per questo motivo un metronotte, insospettito dalla presenza dei tre, avvisa i carabinieri locali.
La pattuglia può fermare i tre poco prima dello scambio. La perquisizione dei due veicoli non ha dato risultati  ma Giorgio è sprovvisto di documenti.
Il nome di Pifano, comunicato in centrale, fa scattare un controllo più accurato. A questo punto trovano nel camper la cassa contenente due lanciamissili SA-7 Strela. Scattano gli arresti anche  per Saleh Abu Anzeh. E’ il militante dell’FPLP incaricato di gestire il  recupero dei lanciamissili.

La canea dei complottisti

Tutti gli organi di stampa e i soliti politicanti si scatenano, complici  servizi segreti e l’antiterrorismo  Dalla Chiesa. Per primo il Presidente del Consiglio Francesco Cossiga. Può  finalmente avallare il teorema del definitivo passaggio di Autonomia Operaia alla lotta armata. Le ipotesi più bizzarre si susseguirono senza sosta nei giorni successivi agli arresti. Secondo alcuni i missili servivano per attentare alla vita del papa. Secondo altri per colpire l’aereo di Kossiga. Altri ancora pensavano ad un assalto ad una base Nato o ad un carcere speciale.

La realtà, come sempre, è lontana dalle ingegnose ipotesi dei media e dalle congetture fantapolitiche di chi intendeva screditare la lotta politica di un intero movimento. Certo, trovarsi tra le mani tre esponenti di spicco di Via dei Volsci che trasportavano missili terra-aria faceva comodo a tutti.  L’ipocrisia del potere può tollerare che certi traffici li compiano partiti o sindacati o chiunque altro non pratichi l’internazionalismo proletario, la solidarietà dei movimenti rivoluzionari a favore dei popoli oppressi e soprattutto lo riveli apertamente con la propria militanza politica.

Ancora più imbarazzanti le prese di posizione dell’area anarco-sindacalista romana, a metà fra il sarcasmo e la stizza. Avevano diffuso un volantino in cui accusavano, senza mezzi termini, il collettivo di Via dei Volsci di essere “amico di Mosca” (a causa dei due missili di fabbricazione sovietica). Poi arrivò la pubblica smentita nel mezzo del processo ai quattro imputati, iniziato ufficialmente il 14 gennaio 1980 dopo svariati rinvii.

Il processo, la condanna

L’avvocato Mauro Mellini presentò la smentita ufficiale dell’FPLP alle innumerevoli ipotesi avanzate dopo il 7 novembre. Il comunicato  assicurava la proprietà sui missili del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina. Si trattava di missili inefficienti, in quanto rotti. Non avevano mai previsto il loro utilizzo in territorio italiano così come non avevano richiesto la presenza di Pifano e Nieri. L’FPLP aveva contattato esplicitamente solo Gioegio Baumgartner così come aveva recapitato queste informazioni al Governo Italiano pochi giorni dopo l’accaduto. Si chiedeva infine l’immediata liberazione dei quattro detenuti.

Al termine della requisitoria, il Pm Abrigati richiese 10 anni di reclusione per ogni imputato, per  introduzione nel territorio nazionale e detenzione e trasporto di armi ma non ottenne la condanna per il primo reato, il più grave. La sentenza, emessa il 25 gennaio, con un’insolita efficienza della macchina giudiziaria italiana, condannò tutti e quattro gli imputati a sette anni di reclusione. Tanta severità provocò più di una polemica in ambienti giudiziari. Il capo d’accusa solitamente non prevedeva più di cinque anni. 

FONTE: Infoaut

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*