Strage di Bologna: due i dna nella bara di Maria Fresu

maria fresu

A quanto apprende l’Adnkronos, apparterrebbero a due persone diverse, entrambe di sesso femminile, i reperti organici – un osso della mano e un lembo facciale con uno scalpo – ritrovati all’interno della piccola bara di Maria Fresu, una delle 85 vittime della strage di Bologna – l’unica ufficialmente ‘disintegrata’ – i cui resti sono stati riesumati, il 25 marzo scorso, nel cimitero di Montespertoli dai periti incaricati dalla Corte d’Assise di Bologna che sta processando l’ex terrorista Gilberto Cavallini.

La clamorosa scoperta è stata comunicata oggi ai periti delle parti, fra cui il docente di Scienze Biomediche e Biotecnologiche dell’Università di Ferrara, Matteo Fabbri, convocati al Dipartimento di Biologia Evoluzionistica dell’Università di Firenze dal perito della Corte, la biologa genetico forense Elena Pilli, capitano del Ris dei carabinieri di Roma, che è riuscita a estrarre 24 marcatori – ne occorrono almeno 9 – dei profili del Dna nucleare e mitocondriale dal materiale consegnatole e ufficialmente attribuito, evidentemente in maniera arbitraria, alla Fresu.

Presto il confronto con il Dna dei Fresu

Il Dna mitocondriale va a identificare un numero di persone che discendono dalla stessa linea femminile, al contrario il Dna nucleare definisce un solo unico soggetto. Il materiale organico esaminato dalla biologa genetico-forense Elena Pilli – un lembo facciale, un piccolo scalpo con una chioma nera, un frammento parziale delle dita della mano destra, e un frammento di mandibola in prossimità del mento con alcuni denti – sarà comparato, nei prossimi giorni, con il Dna di due parenti di Maria Fresu che hanno dichiarato la propria disponibilità, il fratello Bellino e la sorella Isabella, i quali sono stati nei giorni scorsi al Dipartimento di Biologia Evoluzionistica dell’Università di Firenze dal perito della Corte per procedere al prelievo salivare del Dna.

La perizia, il cui deposito è previsto per il 20 settembre prossimo – il 23 è fissata la prossima udienza del processo a carico di Gilberto Cavallini – si è resa necessaria per tutta una serie di incongruenze e di misteri che gravano sulla fine della giovane madre sarda scomparsa, nessuno sa spiegarsi come, nella strage di Bologna e che fanno ipotizzare l’esistenza di una 86sima vittima, forse la terrorista che trasportava l’ordigno, una valigia esplosiva.

L’esplosivista esclude la disintegrazione

Lo stesso perito esplosivista della Corte d’Assise di Bologna, Danilo Coppe, la giudica implausibile alla luce delle sue profonde conoscenze in materia. Anche perché Maria Fresu, la figlioletta Angela e le due amiche Verdiana Bivona e Silvana Ancillotti, si trovavano lontane dal punto dell’esplosione, comunque in quell’area che non venne investita direttamente dalla detonazione. Coppe ha escluso che l’esplosione dell’ordigno della strage di Bologna possa aver disintegrato le persone presenti, a prescindere dalla loro collocazione sulla scena.

Peraltro in un’intervista esclusiva concessa all’Adnkronos il 22 maggio scorso, Silvana Ancillotti, l’unica del gruppo di amiche sopravvissuta alla strage, ha raccontato che nel momento dell’esplosione si trovavano tute vicine e Maria Fresu era in piedi di fronte a lei, a Verdiana Bivona e alla piccola Angela, a un metro di distanza.

Alcune conclusioni provvisorie

(umt) Così l’Adn Kronos prosegue il suo prezioso lavoro di anticipazione e divulgazione dei risultati dell’ultima inchiesta sulla strage alla stazione di Bologna. Toccherà quindi aspettare ancora due settimane per conoscere i risultati della nuova perizia. Al momento, comunque, poiché è difficile pensare che le vittime siano state 87, è il caso di accettare l’ipotesi che alcuni dei poveri resti periziati appartengano a Maria Fresu. Prima di arrivare alla conclusione che è accertata la presenza di un’ottantaseiesima vittima toccherà comunque attendere il lungo lavoro di comparazione tra l’altro Dna repertato e quello di tutte le donne uccise quel giorno a Bologna dall’esplosione e dal crollo della sala d’aspetto della stazione.

Bisognerà infatti escludere il possibile errore di mancata attribuzione di quei frammenti a un altro cadavere. In ogni caso, se il confronto con il Dna dei suoi familiari confermerà che una parte dei resti appartengono a Maria Fresu, perderà fondamento l’ipotesi complottista. Non ci sarebbe stata, infatti, sottrazione del cadavere della giovane madre sarda allo scopo di occultare la morte della responsabile della strage.

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*