Niguarda, spezzata in due la lapide per la partigiana Lia

 E’ stata spezzata in due, da parte di persone per ora sconosciute, la lapide-targa dedicata a Gina Galeotti Bianchi, la partigiana Lia, alla quale è intestato il giardino di via Hermada in zona Niguarda.
Gina Galeotti Bianchi è stata la prima caduta dell’insurrezione a Milano contro i nazifascisti. Niguarda fu il primo quartiere ad insorgere, il 24 aprile 1945 Lia, mentre era uscita insieme con la compagna Stellina Vecchio per portare ai partigiani l’ordine di insurrezione, venne colpita e uccisa da una raffica di mitra sparata da un camion carico di soldati tedeschi in fuga. Era incinta e aveva appena riferito alla Vecchio di essere contenta perché ‘il nostro bambino nascerà in un paese libero”.
Il gesto è stato condannato da forze politiche diverse: oltre che ovviamente dall’Anpi, dal segretario metropolitano del Pd milanese, Pietro Bussolati, dal deputato dem Emanuele Fiano e dal deputato di Forza Italia Luca Squeri.

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*