La tentata evasione di Pasquale Belsito, uno che non si arrende

belsito

Tentativo di fuga di Belsito dal carcere di secondigliano

Il tentativo di fuga – goffo, a leggere la cronaca di Giuseppe Parente – di Pasquale Belsito dal carcere di massima sicurezza di Secondigliano, riporta alla ribalta l’ultima “primula nera” dei Nar, arrestato in Spagna nel 2000 dopo vent’anni di latitanza. Una “forza della natura”, irriducibile a qualsiasi disciplinamento: tant’è che avendo combattuto nella “legione straniera” croata durante la guerra civile jugoslava fino a raggiungere il grado di colonnello rompe e se ne va, rinunciando a quella che oramai era una condizione di sicurezza. Ma vediamo di che cosa era capace a meno di vent’anni il guerrigliero nero. Qui si racconta (Guerrieri, 2005)  il giorno dopo la morte di Alessandro Alibrandi:

La mattina del 6 dicembre 1981, poco dopo le 10,30, Pasquale Belsito e Ciro Lai stanno passeggiando nei giardi­netti di via Marmorata, a quattro passi dal rifugio di Walter Sordi, rimasto ferito nella sparatoria al Labaro in cui ha perso la vita Alessandro Albrandi (mentreil poliziotto Capobianco morirà due giorni dopo). I due non vogliono abbandonare l’amico ma non sanno cosa fare. Lai non è romano, Belsito ha meno di vent’anni e non ha mai curato gli aspetti logistici. Nel momento del bisogno si è sempre arran­giato con gli amici ma nessuno è disposto ad aiutare un superlatitante ferito dalla polizia. Ora bisogna inventarsi qual­cosa di più stabile dei ragazzini che devono dare conto ai genitori per ga­rantire una convalescenza tranquilla a Walter. Discutono animatamente, sono agitati, un po’ stralu­nati e una gazzella dei carabi­nieri che passa li scambia per una coppia tossico/pusher che litiga.

La sequenza successiva – da film poliziesco trash – spiega da sola come mai Pasquale Belsito sia stata l’ultima primula nera a cadere in trappola. Il briga­diere Rapicetti re­sta accanto alla vettura, il maresciallo Radici si dirige verso i due che si sono se­duti, dopo un segno di intesa, su due panchine. Al gesto del sottufficiale che li invita ad av­vicinarsi fanno finta di accondiscendere. Lai, più distante, si avvia verso l’auto, Belsito ripone in tasca l’oggetto che aveva in mano ed estrae un revolver con il quale esplode due colpi: il primo mentre l’uomo è chinato in avanti per controllare che i due non avessero but­tato niente, il secondo da 3-4 metri. Il bersaglio è raggiunto alla base del collo e sotto l’ascella sinistra. I due scappano in di­rezioni diverse. Lai apre il fuoco sul briga­diere che si è messo all’inseguimento di Belsito e riesce a dileguarsi salendo su un autobus. L’omicida punta sulle Poste dell’O­stiense, spara su un impiegato che cerca di trattenerlo e mentre at­tra­versa via Marmo­rata è intercettato da una civetta dell’anti­scippo. I due poliziotti in borghese, avendo notato l’inseguimento, si portano oltre l’ufficio pubblico per bloccarlo. Il “pastore” spara gli ultimi due colpi, uno col­pi­sce al petto l’agente Colangelo che si salva solo perché il parabrezza e il portafoglio frenano l’impatto del proiettile, l’altro è raggiunto dall’arma sca­rica scagliata come proiet­tile. Ne­anche una ferita al gluteo lo ferma: estrae una 9 parabellum e conti­nua a sparare, scappa bar­collando, all’altezza della caserma dei pompieri rapina una 126 ma le pallot­tole degli agenti bucano uno pneumatico, entra nella caserma e vi esce dalla porta car­raia, si impossessa di una 127 e si dilegua. Segue una telefonata di rivendicazione dei Nar alle 12.40: «Abbiamo voluto vendicare Ales­sandro Ali­brandi».

Pasquale Belsito si fa vedere sanguinante al bar di Vigna Clara, tradizionale ritrovo della banda, chiedendo di Roberto Nistri, l’addetto all’assistenza. La ferita è curata con mezzi di fortuna: gli offre ospitalità il figlio di un sottosegretario dc, Raffaello Lombardi. “Brucia” il rifugio perché – nonostante tutte le raccomandazioni: girano in casa operai per lavori di ristruttura­zione – si fa vedere trafficare con la mitraglietta. Scompare per qualche giorno poi torna al­l’improvviso: «Sono stato a trovare dei parenti in Calabria» spiega ai camerati esterrefatti. Gli trovano un’altra sistemazione provvisoria: la sua assoluta strafottenza per le norme di sicurezza brucia tanti punti di appoggio.

Intanto i Walter’s boys riescono a trovare una sistemazione provvisoria più sicura per il capo: con la scusa del ponte dell’Immacolata si può organizzare un weekend a Spoleto, nel casale dei nonni di Poli. Quattro giorni bastano a risolvere il problema. Un fiancheggiatore rodigino procura ospitalità in Sicilia, nel giro di Heliodromos, un’organizzazione tradizionalista ben radicata sulla costa jonica. Sordi non si dimenti­cherà del me­dico che l’ha curato e del camerata che l’ha ospitato, uno sarà arrestato, l’altro riesce a scappare, ma questa è un’al­tra storia, ignobile.

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*