23 maggio. 25 anni dopo la morte di Giovanni Falcone: la mafia sommersa

Venticinque anni fa la strage di Capaci con la morte di Giovanni Falcone, della moglie della scorta. Come il sequestro Moro per le Brigate Rosse, il punto di massima offensiva del terrorismo mafioso rappresenta l’inizio della fine. In pochi mesi

Pubblicato in la battaglia della memoria Taggato con: , , , , , ,

Il terrorista islamico di Milano: un dramma della dis/integrazione

E’ un giovane sbandato il sicario della stazione centrale di Milano, indagato come terrorista  islamico. Negli ultimi mesi, uscito dal carcere dove era finito come pusher, ha pensato di trovare compagnia alla solitudine simpatizzando per l’Isis. Ci hanno tenuto subito a

Pubblicato in conflitto sociale Taggato con: , , , ,

La strana alleanza di Melito: già litigano su tutti i fronti

Ieri pomeriggio ero presente al comitato elettorale di Pietro D’Angelo Sindaco di Melito in quanto candidato indipendente nelle fila della lista “Insieme per Melito” civica composta dall’Associazione Popolo della Famiglia e Terra Nostra. Durante il suo intervento Nino Simeone Consigliere

Pubblicato in fascisteria Taggato con: , , , , , , ,

Brigate Rosse: una storia interna alla violenza operaia degli anni 70

Al TPA_Terzo Piano Autogestito Palazzo Gravina Via Monteoliveto, 3 Napoli. Giovedì 18 Maggio 2017 ore_19,00 presentazione di  “BRIGATE ROSSE. Dalle fabbriche alla campagna di primavera”. di  M. Clementi, P. Persichetti, E. Santalena, edizioni Derive e Approdi, con l’intervento di  P.

Pubblicato in la battaglia della memoria Taggato con: , ,

I due Renzi e le intercettazioni: l’autorete del Fatto

Era tutto un teatrino? O Matteo Renzi ha veramente fatto un’imbruttita al padre sullo scandalo Consip e i rapporti con Romeo? Comunque la diffusione dell’intercettazione si è rivelato un boomerang per la banda del Fatto Quotidiano. Visto infatti l’effetto spot

Pubblicato in giustizia e politica Taggato con: , , ,

I migranti e i valori: una sentenza pericolosa

La sentenza di ieri della cassazione, che, confermando il divieto per un sikh osservante di portare il coltello sacro (in realtà una scimitarra) si è guadagnata le prime pagine dei giornali, contiene un precedente pericoloso. Si afferma infatti che gli

Pubblicato in giustizia e politica Taggato con: , , , ,

I complotti e la realtà: dal “biscotto” calcistico all’affare migranti

Oramai non manca mai modo di costruire un complotto, anche quando ci sono spiegazioni più semplici per la realtà delle cose. Vale per una  partita di calcio ma anche per questioni più serie. Ieri la Juventus ha perso in maniera abbastanza

Pubblicato in conflitto sociale Taggato con: , , , , , , ,

14 maggio 1977: la violenza armata tra messa in scena e realtà

14 maggio 1977: vicino al carcere di San Vittore, ai margini di un corteo contro la repressione,  una banda di autonomi fa fuoco sulla polizia e uccide il vicebrigadiere Antonio Custra. L’immagine di Giuseppe Memeo fissato mentre spara a braccia

Pubblicato in conflitto sociale, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , , , , , , , ,

Serracchiani, Forza nuova e lo stupratore: il trionfo del banale

Sottoscriviamo quanto dichiarato dalla Governatrice e la invitiamo a ritirare la tessera onoraria del nostro movimento, anche lei, a quanto pare, comincia a capire. ULTIM’ORA Laura Boldrini ha chiesto a Zuckerberg di oscurare le pagine della pericolosa razzista Debora Serracchiani…

Pubblicato in i politici dell'odio

De Magistris e il Daspo: todos caballeros

«La mia opinione personale è che il pre daspo a un fioraio sembra un non senso al di là della correttezza formale o meno, tanto è vero che ho deciso di far venire il fioraio nel mio ufficio, a lui

Pubblicato in conflitto sociale, nel Palazzo

Sono nato a Napoli nel 1956 e cresciuto a Posillipo. Vivo e lavoro a Potenza. Sposato da 35 anni, ho una figlia trentenne, un genero, un nipote. Militante dell’antagonismo sociale negli anni Settanta, ho proseguito il mio impegno sul fronte della solidarietà per i prigionieri degli anni di piombo, partecipando in prima persona alle campagne per la soluzione politica. Le mie posizioni da un marxismo critico di matrice operaista si sono evolute nella direzione di un radicale libertarismo. Col passare degli anni, ho spostato la mia attenzione dalla cronaca alla narrazione, dalla ricostruzione dei fatti ai dispositivi di costruzione delle storie...

L'alter-Ugo è la superfetazione del blog Fascinazione, chiuso alla fine di febbraio 2013, quando ha superato il milione di visitatori e poi riaperto e affidato alla cura del discepolo più devoto. Perché 25 anni di ricerca e osservazione sulla fascisteria bastano e avanzano anche a un maniaco compulsivo come me. Questo sito si occuperà ancora di politica e movimenti sociali ma offrirà pure una robusta documentazione d'archivio delle mie precedenti attività giornalistiche e costituirà lo snodo per accedere a tutti i miei canali del web 2.0 (blog, anobii, youtube, flickr)