Fratelli d’Italia, i soldi falsi e la maledizione delle primarie a Napoli

Sono parte dell’incasso del congresso cittadino che si è svolto domenica 19 novembre con modalità da primarie aperte: oltre a 950 iscritti, hanno potuto votare anche più di duemila tra amici e simpatizzanti, con un versamento di 5 euro a persona

Il cassiere ha solo un attimo di imbarazzo ma non ci sono margini di dubbio: le banconote false sono numerose e di vari tagli, per un valore vicino ai mille euro. Per sua fortuna il responsabile del versamento irregolare è un cliente di vecchia data e di fama irreprensibile. Così la giustificazione è  presa per buona. Si arricchisce così di un altro episodio la saga delle “primarie con pezzotto” che a Napoli, grazie alla fantasia dem, ha già una consolidata tradizione.
E’ una storia maledetta quella delle primarie democratiche a Napoli: il primo disastro era successo nel 2011, in occasione delle precedenti elezioni comunali. Erano in corsa due cavalli di razza, Cozzolino e Ranieri, rispettivamente pupilli di Bassolino e Napolitano. Tra voti inquinati nella periferia settentrionale e polemiche per le foto delle lunghe code di cinesi ai seggi, prevalse la decisione di annullare il voto, designando uno smorto funzionario del Viminale, maciullato alle urne. Una maledizione che si ripete: sono finite nel caos anche le ultime primarie per designare il segretario provinciale del Pd.
LEGGI TUTTO su Tiscali.it

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l’autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*