Blitz di Rete Studenti: Milano prima in repressione

rete studenti

La Rete Studenti di Milano ha appeso, la scorsa notte, alcuni striscioni davanti a licei e a istituti della città  compiendo, “un’azione di denuncia contro il piano ’Scuole sicure’ del vice-premier Matteo Salvini e in contrasto con le dichiarazioni della vice-sindaca, con delega alla sicurezza, Anna Scavuzzo”.

Gli striscioni – esposti nelle scuole Berchet, Leonardo, Boccioni, Verri, Tito Livio, Cattaneo e Vittorio Veneto – sono stati “decorati con una rete  metallica, simbolo di chiusura e controllo, e del nastro bicolore, rosso -bianco e giallo nero, per ricostruire simbolicamente una scena del crimine”. L’ organizzazione – che ha prodotto una documentazione fotografica – afferma che “Milano è prima in repressione”.
“L’80% dei fondi è usato per la repressione e meno del 20% per dei percorsi di approfondimento – sostiene la Rete Studenti – seppur i dati dicano che in questi anni l’approccio repressivo sul tema delle sostanze, questione centrale soprattutto tra i giovani, non abbia portato a risultati positivi. Il 16 novembre viene annunciato un corteo contro il Governo sui temi scolastici.

Leggi anche: I cortei di sabato

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*