20 aprile 1998: vent’anni fa lo scioglimento della Raf

rafIl 20 aprile 1998, una lettera dattiloscritta di otto pagine in tedesco firmata RAF (e con il caratteristico simbolo della pistola mitragliatrice Heckler & Koch MP5 sopra una stella rossa) fu inviata via fax all’agenzia di stampa Reuters, dichiarando lo scioglimento del gruppo rivoluzionario tedesco.

La Rote Armee Fraktion (normalmente tradotto in “Frazione dell’Armata Rossa”, abbreviata in RAF e nelle prime fasi conosciuta comunemente come Banda Baader-Meinhof) è stata uno dei gruppi armati di estrema sinistra più importanti nel periodo successivo alla seconda guerra mondiale. Fu fondata il 14 maggio 1970 da Andreas Baader, Ulrike Meinhof, Gudrun Ensslin e Horst Mahler, fu attiva fino al 1993.

La RAF è stato un gruppo di “guerriglia urbana” comunista e anti-imperialista, sul modello dei tupamaros uruguaiani, impegnato nella resistenza armata contro quello che loro definivano uno “stato fascista” e nella rivoluzione proletaria.

Le compagne e i compagni della RAF si addestrarono in Cisgiordania e a Gaza con i guerriglieri del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP), il Partito Comunista Palestinese, e guardarono alla causa palestinese come a una fonte di guida e ispirazione.

Già a partire dal giugno 1972 i membri di spicco della formazione, tra cui i fondatori, vennero quasi tutti arrestati, ma mentre Baader e Meinhof si trovavano in carcere (fra il 1975 e il 1976) altri membri della RAF e di altre organizzazioni della lotta armata di sinistra realizzarono numerosi rapimenti, rapine e attentati in Germania Ovest.

Il 9 maggio 1976 dopo anni di duro isolamento e di sciopero della fame collettivo da parte dei membri della RAF in protesta contro le condizioni della loro detenzione totalmente inumane, Ulrike Meinhof fu trovata morta nella sua cella di prigione a Stoccarda. La commissione internazionale indipendente formatasi per far luce sulle cause della morte sostenne che Ulrike fosse stata appesa già morta alla finestra cui fu trovata impiccata.

La socialdemocrazia tedesca aveva cominciato con i suicidi di Stato!

La mattanza continuo’ ….. Andreas Baader, Gudrun Ensslin e Jan Carl Raspe, vennero “suicidati” nelle loro celle il 18 ottobre 1977, nel carcere speciale di Stammheim.

Una bomba che distrusse una prigione a Weiterstadt nel 1993 risulterebbe essere stato l’ultimo attacco della RAF. L’epilogo ebbe luogo nell’aprile del 1998, quando una lettera, recapitata alla Reuters, dichiarava:

« Quasi 28 anni fa, il 14 maggio 1970, nacque la RAF con un’azione di liberazione. Oggi concludiamo questo progetto. La guerriglia urbana nella forma della RAF fa adesso parte della storia. »

La RAF era ufficialmente disciolta.

FONTE: pagina facebook Lotta Continua, curata da Michele Caravelli

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*