Archivi del Blog

14 maggio 1977: la violenza armata tra messa in scena e realtà

14 maggio 1977: vicino al carcere di San Vittore, ai margini di un corteo contro la repressione,  una banda di autonomi fa fuoco sulla polizia e uccide il vicebrigadiere Antonio Custra. L’immagine di Giuseppe Memeo fissato mentre spara a braccia

Pubblicato in conflitto sociale, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , , , , , , , ,

14 dicembre 1976: agguato dei Nap, muoiono Martino Zicchitella e un agente

Il 14 dicembre 1976, nell’agguato dei Nap al vicequestore dell’Antiterrorismo di Roma  Alfonso Noce, rimane ucciso un agente della scorta, Prisco Palumbo, e sul terreno, ucciso presumibilmente da “fuoco amico”, resta anche il nappista Martino Zicchitella, colpito alle spalle. A

Pubblicato in conflitto sociale, la battaglia della memoria Taggato con: , , , ,

1 dicembre 2010: muore il professore Paolo Signorelli

Il 1 dicembre 2010 muore Paolo Signorelli, il “professore” della destra radicale romana, lunghi anni di dtenzione negli anni di piombo, condanne all’ergastolo a raffica per tre omicidi (Leandri, Occorsio, Amato) alla fine tutte annullate dopo lunghe battaglie giudiziarie e

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , ,

1 dicembre 1980: le Br uccidono Furci, direttore sanitario di Regina Coeli

 Il 1° dicembre 1980 Giuseppe Furci, medico dell’istituto penitenziario Regina Coeli di Roma Furci fu brutalmente assassinato sotto la sua abitazione, con due colpi di pistola alla nuca. L’omicidio venne rivendicato dalle Brigate rosse.Già il 5 ottobre 1980 aveva subito

Pubblicato in conflitto sociale, la battaglia della memoria Taggato con: , ,

27 ottobre 1980: la rivolta nel carcere di Badu e Carros

Ottobre è stato un mese di rivolte carcerarie. Le rivolte sono scoppiate nelle “supercarceri” o carceri di “massima sicurezza”. Il 6 ottobre alle 21,30 un’ottantina di detenuti del Mastio di Volterra prendono in ostaggio 5 guardie carcerarie e si barricano

Pubblicato in conflitto sociale, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , , , ,

17-18 ottobre 1977: la strage a Stammeheim dei prigionieri Raf

In un’intervista al blog ControMaelstrom dell’ex prigioniero politico Salvatore Ricciardi, Irmgard Moeller, l’unica sopravvissuta alla strage di Stammeheim, ricostruisce le drammatiche vicende di quell’anno. L’esecuzione dei capi della Raf avviene mentre le teste di cuoio tedesche avevano compiuto un raid a

Pubblicato in Senza categoria Taggato con: , , , , , , , , ,

3 ottobre 1981: finisce lo sciopero della fame a Maze

Gli scioperi della fame [dei prigionieri politici irlandesi] cominciarono alla fine degli anni ’70, ma il più tragico e memorabile fu quello di Bobby Sands, inaugurato il 1 marzo 1981 e terminato con la sua morte, il 5 maggio, a

Pubblicato in terrorismo internazionale Taggato con: , , , ,

Macchi in ospedale, parla Marinella

di Franco Insardà «Oggi mi sento più sollevata. Sapere che Emanuele è in ospedale mi fa stare un po’ meglio». Al telefono Marinella Rita, moglie del terrorista di destra Emanuele Macchi di Cellere, ha la voce stanca, ma rilassata. Suo

Pubblicato in fascisteria, nelle strade Taggato con: , , ,

Il delitto della Camilluccia/2: quando Egidio Giuliani accoltellò Franco Freda

Contropiano, il quotidiano on line della Rete dei comunisti, bontà sua, per spiegare il “peso” di Egidio Giuliani, cita “Fascinazione, il ben informato blog sulla fascisteria italiana” e riprende appunto il post sulla “agenzia Giuliani”.  Prendo atto con piacere che si

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , , ,

Terrorismo nero: un giorno in Tribunale

[La cronaca della prima udienza del processo Quex. Il mio primo impatto, in un’aula di giustizia, con il terrorismo nero] ROMA- Rinvio immediato al processo d’ appello per Quex ma l’udienza è stata vivacizzata dalla protesta ferma e pacata di

Pubblicato in anni di piombo Taggato con: , , , , , , , , , ,

Sono nato a Napoli nel 1956 e cresciuto a Posillipo. Vivo e lavoro a Potenza. Sposato da 35 anni, ho una figlia trentenne, un genero, un nipote. Militante dell’antagonismo sociale negli anni Settanta, ho proseguito il mio impegno sul fronte della solidarietà per i prigionieri degli anni di piombo, partecipando in prima persona alle campagne per la soluzione politica. Le mie posizioni da un marxismo critico di matrice operaista si sono evolute nella direzione di un radicale libertarismo. Col passare degli anni, ho spostato la mia attenzione dalla cronaca alla narrazione, dalla ricostruzione dei fatti ai dispositivi di costruzione delle storie...

L'alter-Ugo è la superfetazione del blog Fascinazione, chiuso alla fine di febbraio 2013, quando ha superato il milione di visitatori e poi riaperto e affidato alla cura del discepolo più devoto. Perché 25 anni di ricerca e osservazione sulla fascisteria bastano e avanzano anche a un maniaco compulsivo come me. Questo sito si occuperà ancora di politica e movimenti sociali ma offrirà pure una robusta documentazione d'archivio delle mie precedenti attività giornalistiche e costituirà lo snodo per accedere a tutti i miei canali del web 2.0 (blog, anobii, youtube, flickr)