Archivi del Blog

La strage di London Bridge e il santuario italiano

Uno dei tre autori della strage del London Bridge è un italo marocchino che ha spesso soggiornato a Bologna, presso la madre italiana. Si conferma così il ruolo di retrovia della Penisola per alcune delle reti islamiche attive nei maggiori

Pubblicato in terrorismo internazionale Taggato con: , , , , ,

Il terrorista islamico di Milano: un dramma della dis/integrazione

E’ un giovane sbandato il sicario della stazione centrale di Milano, indagato come terrorista  islamico. Negli ultimi mesi, uscito dal carcere dove era finito come pusher, ha pensato di trovare compagnia alla solitudine simpatizzando per l’Isis. Ci hanno tenuto subito a

Pubblicato in conflitto sociale Taggato con: , , , ,

Diario del terrore. Offensiva Isis a Baghdad: 5 attacchi, 17 morti

  31 ottobre – Oltre 15.000 combattenti sciiti che rispondono a Teheran avanzano inarrestabili verso Mosul sul fronte occidentale, strappando villaggio dopo villaggio all’Isis. Ma Abu Bakr al Baghdadi fa esplodere subito la sua rabbia che si trasforma in vendetta

Pubblicato in terrorismo internazionale Taggato con: , , , , , , ,

Dalla Val Susa al Curdistan, per combattere il terrorismo dell’Isis

E’ Davide Grasso, militante storico del movimento No Tav e del Centro sociale Aktasuna il combattente delle YPG, le brigate curde impegnate nel fronte Nord della Siria contro l’Isis e l’esercito turco il “compagno italiano” che lancia un appello per la

Pubblicato in conflitto sociale, terrorismo internazionale Taggato con: , , , , ,

Cosi i nazionalisti bianchi in Usa sfondano su Twitter

C’è un boom di presenze dei nazionalisti bianchi americani su Twitter: la presenza è raddoppiata dal 2012 (3542 follower) al 2014 (6567) per quadruplicare nei due anni successivi (25406). Una presenza che cresce con una curva geometrica impressionante e che

Pubblicato in i politici dell'odio Taggato con: , , , , ,

Diario del terrore.Sono due le vittime dello jihadista australiano

1 agosto Camion bomba contro compound a Kabul: 3 morti. 3 agosto: Autobomba islamista uccide 28 soldati a Bengasi. 4 agosto: decapitata nel Sinai la rete locale di Daesh. Ucciso il leader e 40 miliziani. 5 agosto. Sparatoria al mercato

Pubblicato in terrorismo internazionale Taggato con: , , , , ,

Le province del Califfato e lo scontro con Al Qaida

Invece di continuare a pestare l’acqua con il mortaio, appassionandosi ai dibattiti in corso sulla rilevanza strategica della lotta al burkini per contrastare l’insorgenza islamista e sull’improvviso dilagare della follia aggressiva in modalità “intifada dei coltelli”, mi sembra interessante offrire

Pubblicato in terrorismo internazionale Taggato con: , , , , , , ,

E l’Isis apre il fronte russo: uccisi due giovani ceceni

Con un messaggio video diffuso dalla sua agenzia Amaq, l’Isis ha rivendicato l’attacco condotto ieri da “due combattenti” armati di pistole e accette in una stazione di polizia stradale a Sholkovo, vicino Mosca, poi uccisi dagli agenti. Lo riferisce via

Pubblicato in terrorismo internazionale Taggato con: , , , , ,

Torino, jihadista morto in Siria frequentava l’ex Moi occupato

Wael Labidi è un ventisettenne tunisino morto combattendo sotto le insegne del Califfato in Siria non più di un mese fa. Era amico di Bilel Chihaoui, il connazionale arrestato nei giorni scorsi  a Pisa e ora detenuto nel Cie di Torino in

Pubblicato in terrorismo internazionale Taggato con: , , , , ,

Nizza-Baviera: i terroristi dell’ultim’ora

Come per Nizza, lo Stato Islamico mette il cappello sull’attacco portato a colpi d’ascia e di coltello da un afgano di 17 anni contro i passeggeri di un treno in Baviera, attraverso una rivendicazione diffusa da Amaq, agenzia di stampa

Pubblicato in terrorismo internazionale Taggato con: , , , , ,

Sono nato a Napoli nel 1956 e cresciuto a Posillipo. Vivo e lavoro a Potenza. Sposato da 35 anni, ho una figlia trentenne, un genero, un nipote. Militante dell’antagonismo sociale negli anni Settanta, ho proseguito il mio impegno sul fronte della solidarietà per i prigionieri degli anni di piombo, partecipando in prima persona alle campagne per la soluzione politica. Le mie posizioni da un marxismo critico di matrice operaista si sono evolute nella direzione di un radicale libertarismo. Col passare degli anni, ho spostato la mia attenzione dalla cronaca alla narrazione, dalla ricostruzione dei fatti ai dispositivi di costruzione delle storie...

L'alter-Ugo è la superfetazione del blog Fascinazione, chiuso alla fine di febbraio 2013, quando ha superato il milione di visitatori e poi riaperto e affidato alla cura del discepolo più devoto. Perché 25 anni di ricerca e osservazione sulla fascisteria bastano e avanzano anche a un maniaco compulsivo come me. Questo sito si occuperà ancora di politica e movimenti sociali ma offrirà pure una robusta documentazione d'archivio delle mie precedenti attività giornalistiche e costituirà lo snodo per accedere a tutti i miei canali del web 2.0 (blog, anobii, youtube, flickr)