Archivi del Blog

Tiburtino III: dalle lotte dei Tiburtaros alla caccia ai migranti

Tiburtino III, il quartiere popolare di Roma Est balzato agli onori della cronaca per la tensione esplosa tra residenti e migranti ospiti del centro di accoglienza, negli anni Settanta è stato un santuario della sinistra rivoluzionaria. Il collettivo di quartiere,

Pubblicato in la battaglia della memoria Taggato con: , , , , , , ,

22 novembre 1975. De Luca: Pietro Bruno l’ho mandato a morire io

Il 22 novembre 1975 veniva ucciso dai carabinieri, con colpi di arma da fuoco alla schiena, Pietro Bruno, 18enne militante di Lotta Continua della Garbatella, durante un attacco dimostrativo all’ambasciata dello Zaire. Quarant’anni dopo il responsabile di quel servizio d’ordine, Erri

Pubblicato in Senza categoria Taggato con: , , , ,

Mariani: 40 anni di storia militante nella sede devastata della Magliana

La sede del centro sociale della Magliana, devastata sabato scorso dagli abitanti inferociti del quartiere, è da più di 40 anni un luogo militante. Dal racconto che ci offre Dario Mariani scopro che ci sono stato anche io, qualche volta,

Pubblicato in conflitto sociale, fascisteria Taggato con: , , , , ,

31 ottobre 1989: muore Beppe Niccolai, il missino eretico che difese Sofri

Il 31 ottobre del 1989 moriva Beppe Niccolai, un missino eretico. Giovane fascista, prigioniero di guerra non cooperante, parlamentare per due legislature, negli anni Ottanta fu tra i primi a lavorare a un percorso di fuoriuscita dalle secche del neofascismo che

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , ,

30 settembre 1977, ucciso Walter Rossi, primo delitto dei Nar

Il pomeriggio del 30 settembre 1977, dopo una settimana calda in cui sono stati feriti a colpi di pistola dai neri due compagni in due diverse zone di Roma, avviene la tragedia. Dal circolo dell’ultrasinistra di via Pomponazzi parte un

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , ,

26 settembre 1988: la mafia ammazza Mauro Rostagno

Sociologo, leader del movimento studentesco, fondatore di Lotta Continua, animatore di Macondo, seguace del verbo del Maestro Bhagwan Rajnesh, fondatore dell’Associazione Saman, giornalista e direttore operativo dei servizi d’informazione dell’emittente televisiva trapanese RTC. Sono queste le tante sfumature di Mauro

Pubblicato in conflitto sociale, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , , , ,

Il mistero di via Fani: “Ma quale boss Nirta, è un compagno di LC”

“Macché Nirta. Il ragazzo della foto in via Fani io lo conosco bene“. Il compagno Dario Mariani torna a sorprenderci. “Nirta nel 1978 aveva 49 anni. Il tizio della foto, Mario Di Lucente, un ex militante di Lotta Continua che lavorava

Pubblicato in Senza categoria Taggato con: , , , , , ,

Mauro Rostagno ucciso dalla mafia. Tante buone ragioni per essere contenti

  Oggi è una bella giornata (nei limiti in cui può esserlo) anche per la sentenza sull’assassinio di Mauro Rostagno. Non solo per Chicca e Maddalena, che hanno pagato in questi anni prezzi altissimi, non solo perché rende giustizia a

Pubblicato in Senza categoria Taggato con: , , , , , , , , , ,

La “Zona grigia” di Griner: Galmozzi riporta il cielo sulla terra

Lo status sulla bacheca facebook di Enrico “Kid” Galmozzi, già fondatore di Prima Linea, è abbastanza criptico :     C’è chi può ripercorrere la propria vita. Anche con autoironia e criticamente. Perché ha avuto una vita. Poi ci sono

Pubblicato in consigli di lettura, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , , ,

Delitto Rostagno, c’è ancora chi ricicla la leggenda su Curcio che scagiona la mafia

E’ giunto alle fasi terminali il processo contro i presunti autori dell’omicidio di Mauro Rostagno. Alla sbarra, dopo una tormentata vicenda che ha visto accusata persino la sua compagna, sono due mafiosi. Il 17 aprile, nella sua rubrica sul Foglio

Pubblicato in la battaglia della memoria, nelle strade Taggato con: , , , , , , , ,

Sono nato a Napoli nel 1956 e cresciuto a Posillipo. Vivo e lavoro a Potenza. Sposato da 35 anni, ho una figlia trentenne, un genero, un nipote. Militante dell’antagonismo sociale negli anni Settanta, ho proseguito il mio impegno sul fronte della solidarietà per i prigionieri degli anni di piombo, partecipando in prima persona alle campagne per la soluzione politica. Le mie posizioni da un marxismo critico di matrice operaista si sono evolute nella direzione di un radicale libertarismo. Col passare degli anni, ho spostato la mia attenzione dalla cronaca alla narrazione, dalla ricostruzione dei fatti ai dispositivi di costruzione delle storie...

L'alter-Ugo è la superfetazione del blog Fascinazione, chiuso alla fine di febbraio 2013, quando ha superato il milione di visitatori e poi riaperto e affidato alla cura del discepolo più devoto. Perché 25 anni di ricerca e osservazione sulla fascisteria bastano e avanzano anche a un maniaco compulsivo come me. Questo sito si occuperà ancora di politica e movimenti sociali ma offrirà pure una robusta documentazione d'archivio delle mie precedenti attività giornalistiche e costituirà lo snodo per accedere a tutti i miei canali del web 2.0 (blog, anobii, youtube, flickr)