Tag: Morucci

19 maggio 1980. Napoli, commando br uccide Pino Amato. Catturati tutti

Napoli, 19 maggio 1980. Alle 9,40, in via Alabardieri, nel cuore della City, quattro brigatisti tendono un agguato all’auto su cui viaggia l’assessore al Bilancio della regione Campania, Pino Amato (49 anni), democristiano, uccidendolo. L’autista dell’assessore, Ciro Esposito, (50 anni), spara a sua

Taggato con: , , , , , , , , , , ,

21 aprile 1976: le Formazioni comuniste armate gambizzano il petroliere Theodoli

Il 21 aprile 1976 Giovanni Theodoli, presidente dell’Unione petrolifera italiana,è ferito a Roma dalle Formazioni comuniste armate. Nella primavera del 1975 la rete clandestina dei Comitati Comunisti si spacca. L’organizzazione nata dall’aggregazione di Potere operaio-Linea di condotta (Scalzone-Rosati-Dalmaviva) e dei

Taggato con: , , , ,

Fioroni: le mezze verità su Moro costruite a tavolino da Morucci e i servizi segreti

 Hanno lavorato in molti a costruire la verità giudiziaria sul sequestro e l’omicidio di Aldo Moro ma quello che sappiamo è solo un pezzo molto piccolo di verità, la parte “dicibile”. Sono sconvolgenti le conclusioni a cui giunge il presidente

Taggato con: , , , ,

E alla fine i Ris e il Dna confermano quel che sappiamo sul sequestro Moro

Ancora una volta, una commissione parlamentare d’inchiesta che si è occupata del sequestro Moro finisce i suoi lavori senza giungere a conclusioni. Stamattina, in una conferenza stampa, il presidente Fioroni presenterà il terzo report provvisorio, un volumone di quasi 300

Taggato con: , , , , , , ,

Il caso Moro, la bufala del supercecchino e il rilancio di Massimo Bordin

Con colpevole ritardo, e solo grazie all’intervista di Antonello Grassi a Vito Petrocelli, un ritorno al pezzo di ieri sugli scontri di Roma e dintorni, apprendo che Massimo Bordin, nella sua rubrica del sabato sul Foglio, (Bordin Line) ha rilanciato

Taggato con: , , , , ,

Anni di piombo e soluzione politica

[Una riflessione pro soluzione politica a partire dall’arresto di “Varo” Lojacono] La vicenda di Alvaro Lojacono, il presunto terrorista arrestato in Svizzera, dove lavorava alla radio di lingua italiana del Canton Ticino dopo aver superato un regolare concorso, pone –

Taggato con: , , , , , , , ,
Top