Archivi del Blog

12 dicembre 1969, Salvini: quella prova sulla strage dimenticata in un armadio

12 dicembre 2016 : Guido Salvini, il giudice istruttore che rilanciò l’inchiesta sulla strage di piazza Fontana scrive in ricordo di Michele Cacioppo l’ispettore che studiava le carte sulle stragi e racconta la storia dell’agenda dimenticata dalla Procura di Milano

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , , , ,

Nello scrigno del tempo – L’italia allo specchio dell’eversione nera

La recensione di Fascisteria scritta da Giorgio Boatti per Tuttolibri, il 1° ottobre 2001. Indimenticabile … NELLA memoria del nostro Paese il terrorismo – di qualunque sfumatura – è un’oscura terra di nessuno s’interpone tra Storia e cronaca. Ordito sommerso

Pubblicato in consigli di lettura, fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , , , ,

Piazza Fontana e Concutelli: un dubbio sull’ultimo contributo di Cucchiarelli

Andrea Carancini riprende nel suo blog un testo scritto da Paolo Cucchiarelli per il 43esimo anniversario della strage di Stato e da me già ripreso su Scoop.it. Avendo una certa frequentazione con l’ossessione, ho grande rispetto per la straordinaria opera monumentale

Pubblicato in anni di piombo, fascisteria, la battaglia della memoria Taggato con: , , , , ,

Sono nato a Napoli nel 1956 e cresciuto a Posillipo. Vivo e lavoro a Potenza. Sposato da 35 anni, ho una figlia trentenne, un genero, un nipote. Militante dell’antagonismo sociale negli anni Settanta, ho proseguito il mio impegno sul fronte della solidarietà per i prigionieri degli anni di piombo, partecipando in prima persona alle campagne per la soluzione politica. Le mie posizioni da un marxismo critico di matrice operaista si sono evolute nella direzione di un radicale libertarismo. Col passare degli anni, ho spostato la mia attenzione dalla cronaca alla narrazione, dalla ricostruzione dei fatti ai dispositivi di costruzione delle storie...

L'alter-Ugo è la superfetazione del blog Fascinazione, chiuso alla fine di febbraio 2013, quando ha superato il milione di visitatori e poi riaperto e affidato alla cura del discepolo più devoto. Perché 25 anni di ricerca e osservazione sulla fascisteria bastano e avanzano anche a un maniaco compulsivo come me. Questo sito si occuperà ancora di politica e movimenti sociali ma offrirà pure una robusta documentazione d'archivio delle mie precedenti attività giornalistiche e costituirà lo snodo per accedere a tutti i miei canali del web 2.0 (blog, anobii, youtube, flickr)