16 dicembre 2012: muore a Caserta Tonino Torre

In questi giorni ho mollato un po’ il blog per gli impicci dell’uscita del libro su Antonio Luongo e per gli affanni accumulati nello sprint finale. Recupererò nel week end (spero) alcuni episodi importanti di questi giorni, ma intanto questo ricordo è dovuto. Perché a Tonino Torre mi legava un rapporto personale molto forte e molto particolare.

“Ugo, è morto Tonino”. La telefonata di Giuseppe Parente è una mazzata in fronte. Proprio ieri, consumando il rito del caffè del sabato, a cui qualche volta partecipava anche lui, avevo dato il mio imprimatur al progetto con cui il più assiduo collaboratore dei miei blog mi assilla da un anno: la storia della fascisteria napoletana. E ovviamente Antonio Torre era tra gli interlocutori privilegiati del progetto. Come protagonista di due diverse fasi storiche: militante di strada alla fine degli anni di piombo, leader riconosciuto nella fase del dopo-muro, probabilmente l’ultimo della destra radicale napoletana e sicuramente l’unico della sua generazione assunto a rango di dirigente nazionale (è stato a metà degli anni Zero vicepresidente di Forza nuova). Ma anche come amico del cuore di un paio dei morti prematuri a cui sarà dedicata una sezione del libro: Giulio Antonelli, uno dei camerati del Fronte europeo ammazzato a tradimento da un inetto incapace di onorare un debito personale [e da allora ogni organismo politico di cui è stato promotore a Giulio è stato dedicato]; Cico De Palma, il leader del Fronte della Gioventù del Vomero che invece ha scelto da solo di partire per l’ultimo viaggio, l’anno scorso.

Doveva essere il primo ad essere sentito, ovviamente, come testimone d’eccezione. Toccherà a lui un capitolo e l’epigrafe.
Perché di Giuseppe, come di tanti altri che nell’arco di trent’anni hanno militato nei ranghi della destra radicale, era stato da sempre il leader di riferimento e poi il mentore mentre con me il rapporto tra giornalista “esperto” e dirigente politico si era andato trasformando, con il suo distacco dall’impegno, sempre più in una forte amicizia molto napoletana. Del suo ruolo, delle sue storie non mancherà modo di parlare nei prossimi giorni.
DA LEGGERE ANCHE:
I funerali
Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Pubblicato in fascisteria, la battaglia della memoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Sono nato a Napoli nel 1956 e cresciuto a Posillipo. Vivo e lavoro a Potenza. Sposato da 35 anni, ho una figlia trentenne, un genero, un nipote. Militante dell’antagonismo sociale negli anni Settanta, ho proseguito il mio impegno sul fronte della solidarietà per i prigionieri degli anni di piombo, partecipando in prima persona alle campagne per la soluzione politica. Le mie posizioni da un marxismo critico di matrice operaista si sono evolute nella direzione di un radicale libertarismo. Col passare degli anni, ho spostato la mia attenzione dalla cronaca alla narrazione, dalla ricostruzione dei fatti ai dispositivi di costruzione delle storie...

L'alter-Ugo è la superfetazione del blog Fascinazione, chiuso alla fine di febbraio 2013, quando ha superato il milione di visitatori e poi riaperto e affidato alla cura del discepolo più devoto. Perché 25 anni di ricerca e osservazione sulla fascisteria bastano e avanzano anche a un maniaco compulsivo come me. Questo sito si occuperà ancora di politica e movimenti sociali ma offrirà pure una robusta documentazione d'archivio delle mie precedenti attività giornalistiche e costituirà lo snodo per accedere a tutti i miei canali del web 2.0 (blog, anobii, youtube, flickr)