Categoria: Nello scrigno del tempo

Così per Lotta Continua Azione rivoluzionaria diventa fascista

Nella notte fra il 21 e il 22, scoppia una bomba al tritolo nel luogo in cui si doveva tenere una manifestazione unitaria contro il terrorismo. L’attentato viene rivendicato, con una telefonata all’ANSA, da Azione rivoluzionaria, che aveva già realizzato

Taggato con: , , , ,

18 settembre 1981: l’omicidio Rucci chiude la lotta a San Vittore

Il 18 settembre 1981 poco prima delle ore 8, mentre si recava in macchina per raggiungere la Casa circondariale di Milano San Vittore dove prestava servizio al primo raggio, il Brigadiere Francesco Rucci rimase vittima di un attentato rivendicato da

17-18 settembre 1977, Torino: Azione Rivoluzionaria attacca la stampa

Tra il 17 e il 18 settembre 1977, il nucleo armato di AR “Rico e Attilio” ha proceduto a colpire la sede della “Stampa” di Torino e il cronista de “L’Unità” Nino Ferrero. Presso la sede del giornale di Agnelli

Taggato con: , , , , , ,

Milano, 17 settembre 1983, colpiti duro i Colp: ucciso Sava, preso Fiorina

I carabinieri bloccano in una strada di Milano un’auto con due terroristi a bordo, che aprono il fuoco. Al volante è Gaetano Antonio Sava, che è colpito e muore; il suo compagno fugge a piedi continuando a sparare. E’ catturato poco dopo.

Buscetta: così Cosa Nostra uccise Mauro De Mauro

Cinquant’anni fa, la sera del 16 settembre 1970, Mauro De Mauro, cronista del quotidiano “L’Ora” non faceva ritorno a casa. Uno dei primi delitti eccellenti di Cosa Nostra. Tommaso Buscetta lo ricostruisce, dopo la strage di Capaci, nella sua autobiografia

Taggato con: , , , ,

8 settembre 1974: Alberto Franceschini non doveva andare a Pinerolo

Concludiamo l’approfondimento sul blitz Girotto con la testimonianza di Mario Moretti, intervistato da Carla Mosca e Rossana Rossanda per “Una storia italiana” e l’intervento di Pierluigi Zuffada che agli inizi d’agosto ha replicato con durezza all’ennesima intervista in cui Alberto

Il golpe cileno e l’azzardo di Lc sull’uso operaio del Pci

Il golpe in Cile, l’11 settembre 1973, rappresenta un punto di rottura fondamentale nelle vicende politiche della sinistra italiana. Il Pci ne ricava la legittimazione per abbandonare la ricerca della maggioranza e teorizza esplicitamente l’alleanza con la Dc: nasce la

Taggato con: , , , ,

L’arresto di Curcio e Franceschini nel racconto del Soccorso Rosso

L’estate è un fuoco di fila di fermi, perquisizioni, arresti. Una serie di militanti delle BR, o presunti tali, vengono perseguiti. Altri, anche completamente estranei all’organizzazione, vengono coinvolti come misura di rappresaglia. Il SID e le sue articolazioni armate riescono

Taggato con: , , ,

Fresu incalza Bolognesi: risolto il sito, cerchiamo le tracce di Maria

“Dopo aver balbettato bugie per due giorni cadendo in un groviglio inestricabile di contraddizioni prive di qualunque giustificazione, Paolo Bolognesi ha ripristinato la foto di Maria Fresu sul sito dell’associazione delle vittime della strage di Bologna”. Lo dice all’Adnkronos Laura

Taggato con: , , , , ,

8 settembre 1974, Renato Curcio ricostruisce l’arresto suo e di Franceschini

L’8 settembre 1974, grazie all’infiltrazione di Silvano Girotto, accreditatosi come frate guerrigliero in America Latina, i Carabinieri arrestano Renato Curcio e Alberto Franceschini, due dei leader più importanti dell’organizzazione combattente. Anni dopo Franceschini ne farà il perno di una campagna

Top