Black lives matter. Prima l’intervista, poi lancia molotov. Arrestata a New York un’avvocata dei poveri

E’ tornata in cella la coppia di giovani avvocati di Brooklyn arrestati per aver lanciato una Molotov e incendiato un veicolo della polizia di New York. Dopo il ricorso della Procura hanno revocato la loro libertà su cauzione. La donna, 31 anni, una musulmana impegnata nei servizi legali per i poveri, aveva concesso un’intervista meno di un’ora prima dell’assalto per cui è stata arrestata. Il video è stato girato vicino al Barclays Center di Brooklyn intorno alle 00:15 del 30 maggio.

“Penso che questa protesta sia maturata da molto tempo”, ha detto l’avvocato Urooj Rahman nella videointervista filmata . “Questo movimento non si fermerà mai a meno che non si affrontino tutti i problemi. Ed è per questo che la rabbia si esprime stasera in questo modo “, ha detto. Il video è stato diffuso venerdì scorso, mentre Rahman e il co-imputato Colinford Mattis venivano riportati in carcere dagli sceriffi federali. Avevano ottenuto la libertà su cauzione lunedì 1 giugno.

Revocata la libertà

I due erano stati rilasciati dopo il versamento di 250mila dollari di cauzione, ma una corte d’appello ha accolto la richiesta di revoca della procura. Durante l’intervista di quattro minuti, Rahman ha affermato di non essere a conoscenza del fatto che i poliziotti erano stati feriti dai manifestanti durante gli scontri violenti scatenati dall’uccisione della polizia di George Floyd. Però ha aggiunto che de Blasio avrebbe dovuto tenere a freno il Dipartimento di Polizia di New York “come ha fatto il sindaco di Minneapolis. Perché se si fosse davvero preoccupato dei suoi agenti di polizia, avrebbe dovuto rendersi conto che non vale la pena farsi male”.

Incastrata da un video

Rahman è stata incastrata dalle immagini di una telecamera di sorveglianza, registrate poco prima dell’una del mattino. La riprende mentre accende una Molotov e la lancia in un veicolo della polizia vuoto vicino all’88 ° distretto. Rahman, 31 anni, aveva dichiarato nel video che la violenza contro i poliziotti era “comprensibile”: “Le persone – ha aggiunto – sono arrabbiate perché la polizia non è mai ritenuta responsabile. Questo deve finire. E l’unico modo in cui ascoltano, l’unico modo in cui ci ascoltano è attraverso la violenza”.

Rischiano da 5 a 20 anni

“Dobbiamo usare gli strumenti di massa, è quello che dice sempre il mio amico.” Rahman – che ha precisato il suo nome alla fine dell’intervista – ha parlato mentre si copriva il viso con lo stesso copricapo in bianco e nero che indossava nell’immagine che la mostra mentre stringe una bottiglia Molotov sul sedile del passeggero di un minivan guidato dal collega avvocato Mattis, 32 anni. Ora sono entrambi accusati di aver danneggiato un veicolo della polizia con ordigni incendiari ed esplosivi. Rischiano da 5 a 20 anni.

Rahman indossava la stessa maglietta – che mostra un pugno chiuso su un filo spinato e le parole “LA LOTTA CONTINUA INDIPENDENTEMENTE” – con cui è stata arrestata. I federali li accusano di aver offerto ad altri manifestanti “per promuovere più distruzione e violenza”.

Durante la sua intervista video, Rahman ha sostenuto che i manifestanti “non prendevano di mira persone a caso; stavano prendendo di mira i distretti di polizia. È un modo per mostrare il loro dolore, la loro rabbia”.

Due modelli per la comunità

Il giorno prima di uscire per protestare, Colinford Mattis, 32 anni, un avvocato aziendale istruito a Brooklyn, ha chattato per più di un’ora con un amico del liceo. Hanno discusso della morte di George Floyd come “un altro esempio di morte di una persona di colore disarmata”, ha spiegato l’amico, ma hanno anche parlato di argomenti più banali, dalla spesa dal droghiere ai video di YouTube.
Il pomeriggio precedente l’arresto, Urooj Rahman, 31 anni, che è amica intima di Mattis e si prende cura della madre con cui vive in una casa di Brooklyn, ha partecipato a una conferenza di Zoom sulla costruzione di “movimenti di solidarietà” tra persone di colore.

Quello che è successo dopo è stato una sorpresa per molti che riconoscono nei due giovani avvocati modelli di riferimento nelle loro comunità. Entrambi figli di immigrati, sono cresciuti dai quartieri operai di Brooklyn per andare poi vincere un lungo elenco di riconoscimenti e titoli all’Università. Mattis si è laureato presso la Princeton University e la New York University Law School, mentre la signora Rahman è andata alla Fordham University per il college e la facoltà di giurisprudenza.

FONTI: New York Times, New York Post.

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.