24 settembre 1980: la camorra uccide il padre del direttore del carcere di Cuneo

Un ex agente di custodia, padre del direttore del supercarcere di Cuneo, è stato assassinato sulla porta di casa, a Santa Maria Capua Vetere. Verso le 20 due giovani a viso scoperto bussano all’abitazione di Alberto Contestabile,60 anni, pensionato, già brigadiere delle guardie carcerarie di Poggioreale.
Alberto Contestabile apre la porta e viene colpito da più proiettili: i due, poi, rivolgono l’arma contro l’anziana cognata e sparano di nuovo. La donna viene raggiunta da più proiettili ad una spalla.

I killer si danno poi alla fuga con un’auto parcheggiata nei pressi del locale ospedale che è vicino al luogo dell’agguato. Portati in ospedale i due feriti, Alberto Contestabile spira in nottata. La donna si salverà.

Gli inquirenti ritengono improbabile la rivendicazione dell’azione da parte del gruppo neofascista dei Nuclei Armati Rivoluzionari: pensano invece che l’agguato sia opera della camorra che avrebbe vendicato qualche sgarbo patito nelle carceri dove l’ucciso aveva prestato servizio [in effetti, il mandante dell’omicidio è Raffaele Cutolo, ndb]. L’auto usata dai Killer per la loro azione è ritrovata nei dintorni di Santa Maria Capua Vetere

«Ho perso papà nel 1980, era maresciallo della Penitenziaria in pensione – è il racconto con la voce velata dall’emozione del figlio Tommaso, andato in pensione nel 2017da provveditore dell’amministrazione penitenziaria in Campania -. Facevo il direttore a Cuneo e ci fu un’azione di rappresaglia nei miei confronti. Stavo per lasciare tutto, fu l’allora capo del dipartimento che mi convinse a non andare via, il ricordo di mio padre è sempre vivo con me».

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.