Caso Yara, il prelievo di massa del Dna pericoloso precedente contro la libertà di tutti

il mio pezzo sul Garantista

Il primo pezzo per il Garantista è ovviamente su questioni di diritto, di garanzie, di libertà.

C’è una questione essenziale  che sembra sfuggire ai protagonisti delle polemiche sulla presunta individuazione dell’assassino di Yara, e cioè che il suo eventuale riconoscimento parte da una procedura di “analisi di massa” del Dna (ben diciottomila i campioni raccolti) dall’assai dubbio profilo costituzionale. E’ di tutta evidenza che il prelievo di materiale biologico afferisce direttamente alle libertà fondamentali dell’uomo e all’inviolabilità della persona.

L’articolo 13 della Costituzione, nel proclamare l’inviolabilità della libertà personale e del diritto alla riservatezza dell’individuo, fissa forti paletti procedurali per l’esercizio dei poteri di coercizione da parte della pubblica autorità. Tra questi c’è il principio di motivazione. Anche la richiesta di una meno invasiva “intercettazione telefonica” deve essere giustificata dagli investigatori con motivazioni esplicite e specifiche e non può essere generica o a vasto raggio. Del resto, anche nelle altre vicende in cui la prova regina è stata costituita dall’esame del Dna, sia nei casi di condanna (i delitti Claps e Filo della Torre) sia nei casi di assoluzione (l’omicidio di Garlasco e l’appello di Perugia per Meredith), l’esame è stato effettuato dopo che i sospetti erano stati individuati e circoscritti sulla base di altri riscontri investigativi e non grazie a un “rastrellamento” in una vasta e indefinita platea di potenziali colpevoli.

Ora anche se, contro ogni legge statistica, vogliamo ipotizzare che tutti e diciottomila prelievi siano stati effettuati rispettando la procedura di acquisizione del libero consenso del soggetto, è il meccanismo stesso dell’operazione, effettuata in un clima di forte tensione emotiva della comunità, che mette in discussione l’essenziale presupposto della libera scelta e quindi, in ultima istanza, limita fortemente il diritto alla difesa del sospettato.

Anche in altre circostanze di emergenza giudiziaria e di grave allarme sociale, l’Italia ha tenuto duro non cedendo alle sirene del panottico. Le richieste di rilevazione di massa delle impronte digitali di determinati campioni della popolazione sono stati respinti al mittente con l’opportuna combinazione di sdegno e sberleffi. Non vorremmo che, capitalizzando lo stato d’animo collettivo di forte empatia con la giovane vittima e i suoi familiari, passasse il principio che l’efficacia del risultato raggiunto (e qui non solleveremo tutti i dubbi opportuni sull’effettivo valore probatorio nel caso specifico) consente di fare strame di elementari e fondamentali principi del diritto. Al danno del pericoloso precedente si aggiungerebbe così la beffa di un micidiale passo in avanti nello spostamento del luogo del rito processuale dalle aule di giustizia (con tutte le garanzie processuali per l’acquisizione della prova) agli studi televisivi, nuovi santuari del barnum mediatico.

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , , , ,
3 comments on “Caso Yara, il prelievo di massa del Dna pericoloso precedente contro la libertà di tutti
  1. Stefania ha detto:

    E’ innocente.

  2. Gian Franco Spotti ha detto:

    E’ molto probabile che la persona accusata dell’omicidio di Yara sia invece innocente. Il caso Yara sembrerebbe un classico “omicidio rituale” cioè uno di quei crimini commessi o commissionati da personaggi legati a sette massoniche ed esoteriche con fini iniziatici e propiziatori, legate o vicino alle istituzioni e coperte dai servizi. Vedi ad esempio i DELITTI DELLA ROSA ROSSA (di Paolo Franceschetti). Gli inquirenti non indagano mai in quella direzione, in parte perche non vengono addestrati a farlo e in parte perché non devono farlo. Il povero muratore altro non è che un capro espiatorio che serve a giustificare le enormi spese sostenute dalle istituzioni per tutti i DNA raccolti in questo caso. Si parla di milioni di Euro. E poi questa persona avrebbe ucciso solo Yara_ nessuno prima e nessuno dopo, senza alcun movente. Avrebbe fatto le cose perfette, da principiante, senza lasciare tracce. Chi ha fatto questo si muoveva come una persona addestrata e conscia di ogni singolo dettaglio sia tecnico che temporale. Di questi casi ce ne sono tanti> Cogne, Erba, Chiara Poggi, Roberta Ragusa, Carmela Rea e altri. E sono in aumento e la cosa preoccupa in quanto tutti noi siamo teoricamente esposti a questo rischio.
    Comunque voi la pensiate, io non credo alla versione ufficiale dei fatti. Mi spiace solo per questo poveraccio e per la sua famiglia.

    • Ugo Maria Tassinari ha detto:

      Caro Spotti, tesi suggestiva ma interessante. Come è evidente, io non proprio entrato nel merito dell’indagine…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.