Molotov al centro migranti. I 5 ragazzini denunciati la buttano sullo scherzo

centro migranti

Un “petardone”. Così i cinque ragazzi responsabili hanno definito la molotov scagliata contro l’ingresso del centro di accoglienza migranti di Spadarolo, gestito dalla Cooperativa Cento fiori, nella notte del 31 ottobre 2018.

A condurre le indagini e a individuare i ragazzi i carabinieri del Nucleo investigativo guidato dal maggiore Maurizio Petrarca. A indirizzare gli inquirenti sarebbero stati la bottiglia d’acqua e il tovagliolo utilizzati, presi dal ristorante del padre di uno dei cinque.

Ora li accusano di danneggiamento, fabbricazione e detenzione di materiale esplodente, mentre è ancora da definire l’aggravante dell’odio razziale. E su questo si gioca una partita non solo giudiziaria ma anche sociale.

Tra i cinque c’è il figlio del proprietario del ristorante della zona, minorenne, primo a farsi avanti. Ora minimizzano, parlando di bravata, di scherzo. “Non è stato l’unico petardone che abbiamo lanciato quella notte”, dichiarano.

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.