Cima Vallona, 25 giugno 1967. Strage dei neonazisti tedeschi o strategia della tensione?

A bordo di un elicottero decollato da Bolzano fu inviata una squadra Antiterrorismo, per raccogliere indizi utili all’indagine e per identificare gli autori dell’attentato, composta da un ufficiale e tre esperti sottufficiali dei carabinieri paracadutisti esperti artificieri. Dopo  i rilievi sul luogo dell’esplosione, i quattro si avviarono incolonnati lungo lo stesso itinerario percorso all’andata ma inavvertitamente, uno di loro attivò una trappola esplosiva piazzata a circa 400 metri dal luogo dell’attentato, lungo il sentiero disponibile.

 

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*