Cronache xenofobe. 18 ottobre/2. Giovane africano costretto a cambiar posto in bus

Un presunto episodio di razzismo è avvenuto a Trento su un pullman Flixbus diretto a Roma. Una donna – secondo il racconto di una testimone – ha preteso che un giovane passeggero africano, salito sul pullman e sedutosi accanto a lei, si spostasse in fondo al mezzo. “Sei di colore, sei di un’altra religione”, avrebbe detto la donna al giovane di colore che sarebbe scoppiato a piangere. A questo punto, vista l’insistenza della donna – racconta una testimone ai giornali locali – il giovane l’ha invitata a chiamare le forze dell’ordine, per far accertare il suo pieno diritto di essere su quel mezzo e di sedersi proprio in quel posto. Dopo l’arrivo della polizia, il giovane africano e la donna hanno discusso a lungo con gli agenti, e alla fine la questione si è risolta con il passeggero di colore che ha scambiato il posto con un’altra passeggera, che si è seduta accanto alla donna.
Sull’episodio ha preso posizione Flixbus Italia. “Ci rincresce che un simile episodio si sia verificato a bordo di un nostro autobus. Come operatori della mobilità , da sempre ci impegniamo a garantire a chiunque la possibilità  di viaggiare e ricongiungersi coi propri cari, e così¬ continueremo a fare”, si
legge in una nota

Morbegno, insultato e picchiato un senegalese

Insulti per il colore della pelle. Poi calci e pugni fino a mandarlo in ospedale. L’ennesima aggressione razzista è avvenuta a Morbegno  (Sondrio) ai danni di un senegalese di 28 anni. Attorno alle 2 di sabato notte il migrante si stava recando al lavoro, in un panificio della città , quando è stato avvicinato da un gruppo di giovani che hanno cominciato a insultarlo per il colore della pelle. Gli aggressori sarebbero stati individuati grazie anche alle riprese delle telecamere di sorveglianza.  
La brutale aggressione è avvenuta in pieno centro nella località  della Valtellina. Due giovani lo hanno bloccato iniziando a picchiarlo e uno gli ha sferrato un pugno all’occhio destro. Il 28enne Mame Serigne Gueye ha perso l’equilibrio ed è caduto a terra. Il cellulare che aveva con sé ha subito danni ma funzionava ancora e il giovane senegalese, sanguinante al volto, è riuscito a chiamare i carabinieri, che ora indagano sull’episodio.

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.