8 agosto 2020: è finita la vita bella e coraggiosa di Enza Siccardi

E’ finita l’8 agosto la vita, intensa e appassionata, di Enza Siccardi. Lo annuncio lo dà Rossella Simone, che a questa “donna corragiosa” aveva dedicato una delle 11 storie di vita del suo libro “Donne oltre le armi”. Erano state compagne di cella, una arrestata insieme al suo compagno, Giuliano Naria, l’altra sorpresa durante un trasporto di esplosivo, insieme a un giovane compagno, Emilio Quadrelli, che l’ha salutata con questo manifesto:

E dal loro rapporto con Mario Rossi si potrebbe partire per seguire un altro filo rosso: perché alla sorella di Mario Rossi, Angela, sequestrata e violentata per ore nel febbraio 1976, i suoi torturatori rinfacciano la partecipazione a un meeting per la liberazione di Enza Siccardi e Emilio Quadrelli. Ma restiamo ai nostri “eroi”. E alla severa condanna riportata in primo grado. Ecco la cronaca della Stampa, nel dicembre 1976:

La “prof” dinamitarda è condannata a 4 anni.
La stessa pena allo studente universitario preso con lei

La donna, 33 anni, arrestata in gennaio, ha partorito in carcere (Dal nostro corrispondente) Genova, 22 dicembre. La professoressa Vincenza Siccardi, di 33 anni, e lo studente universitario Emilio Quadrelli, di vent’anni, simpatizzanti di movimenti estremisti collegati alla sinistra extraparlamentare, sono stati condannati questa mattina dal tribunale di Genova rispettivamente a 4 anni di reclusione e a 500 mila lire di multa, perché riconosciuti colpevoli del reato di «trasporto illecito di materiali esplosivi» (12 chili e mezzo di polvere di mina).

I due erano stati arrestati la notte del 22 gennaio scorso, nel centro storico, (qui il suo racconto, con allegato il pdf dell’autobiogradia), con un ordigno di discreta potenza, con innescato un congegno a orologeria, che era destinato ad esplodere dinanzi alla sede dell’associazione «Serviam», vicina alla destra cattolica. La Siccardi, che in carcere, all’inizio di ottobre, ha dato alla luce un bimbo, e Quadrelli, erano stati denunciati in un primo momento per «strage», un reato per il quale avrebbero dovuto essere processati in corte d’assise con una previsione di pena variante tra i vent’anni di reclusione e l’ergastolo. Nel corso dell’istruttoria, il loro reato è stato, come si dice in termini tecnici, «derubricato», e l’accusa contenuta nel rinvio a giudizio è stata trasformata in semplice «trasporto» di armi.

I due, al momento dell’arresto, avevano con sé anche pistole e un mazzo di volantini contro l’arcivescovo di Genova, cardinale Giuseppe Siri: a casa della Siccardi fu trovato dell’altro esplosivo. Quadrelli era già stato arrestato l’anno prima, e successivamente rilasciato, per aver partecipato al tentativo di bruciare dei pullman di turisti spagnoli per protestare contro il regime franchista. I due giovani, nel corso del dibattimento, hanno sostenuto quello che già avevano dichiarato nel corso dell’istruttoria, che cioè non avevano alcuna intenzione di fare del male, ma solo di compiere un gesto dimostrativo, perché il gruppo «Serviam» era impegnato da qualche settimana, con conferenze, manifestazioni e volantini, a combattere la legge sull’aborto e sui diritti civili.

Dentro e fuori

Enza Siccardi sarà scarcerata nel settembre del 1977. Tornerà in galera per una ventina di giorni in occasione del primo blitz contro le Brigate Rosse, quello che con Enrico Fenzi manda in galera una decina di compagni che non avevano nessun legame con la colonna genovese. Vi tornerà nel 1984, subendo un arresto spettacolare nella scuola media in cui insegnava. Vittima delle accuse di un tardo pentito della banda Barbone, Mario Marano. Costui ha militato nelle UCC e poi nella Brigata 28 marzo. Ha poco da raccontare visto che altri pentiti hanno già venduto tutto il vendibile e quindi lavora su cose orecchiate e di fantasia. Alla fine Enza sarà prosciolta ma intanto l’hanno trasferita, visti i precedenti, nel supercarcere di Voghera. E un altro incidente giudiziario le toccherà ancora alla vigilia del G8 di Genova, l’8 luglio 2001. Ce lo racconta ancora una volta la Stampa

Genova 2001

È stato consegnato al procuratore Francesco Meloni il rapporto sulla perquisizione fatta dalla Digos nell’abitazione di Enza Siccardi, 58 anni, professoressa di lettere con precedenti per detenzione di esplosivi. Nell’appartamento, dove la donna abita con il figlio, sono state trovate sostanze chimiche che, secondo la polizia, potrebbero essere usate per confezionare esplosivi.
La Siccardi, in proposito, ha spiegato che il figlio Vanja, 24 anni, studente di scienze dell’informazione e frequentatore dei centri sociali, fa il giocoliere di strada e quei composti chimici (acido cloridrico, solfito di potassio) gli servono, insieme ad alcuni bastoni e clave trovati in casa, in vico dei Garibaldi, per la sua attività artistica. La polizia ha acquisito anche altro materiale che sta esaminando: documenti e volantini sul G8, dischetti contenenti nomi e numeri di telefono. La perquisizione è stata compiuta due giorni fa protraendosi per oltre dieci ore mentre nell’abitazione della professoressa si trovava una decina di giovani ospiti, alcuni dei quali giunti da Toscana e Valle d’Aosta.

Ca’ Favale

Dal 2002 comincia a prendere corpo l’esperienza di Ca’ Favale, una comunità rurale che è ancora attiva nella Rete dei Villaggi ecologici

E proprio dal racconto autobiografico di Enza, che si dipana dal filo di seta dei bachi di Ca’ Favale, Donatella Alfonso, la giornalista genovese autore di un bel saggio sulla “22 ottobre” (Animali di periferia) ricostruisce il suo vissuto a partire da una storia di famiglia significativa e attraversando poi gli anni Settanta

La memoria dei ’70 dietro a quel sottile filo di seta nera

NASCE ligure di ponente, Enza Siccardi. Nasce con un cognome che nella guerra di Liberazione è qualcosa di potente: è la figlia di Nino Siccardi, u Curtu, comandante della I Zona Operativa Liguria. Di lui e della madre Chiara porta con sè l’eredità del rigore e la fede comunista ma soffre altrettanto quella distanza, quella mancanza di leggerezza che negli anni ‘50 accompagna il comandante partigiano ormai disilluso. Non può essere casuale per la schiva Enza l’incontro, anzi l’abbraccio con i movimenti degli anni Sessanta e Settanta, dopo la restituzione nel ‘68 della tessera del Pci. E allora saranno gli anni del femminismo, la vita da insegnante di lingue pendolare con Torino, la frequentazione dei compagni di Lotta Continua e di Potere Operaio, ma anche dei luddisti di Balbi. E l’incontro fondamentale con Gianfranco Faina, il docente che poi parteciperà alle prime Br e fonderà Azione Rivoluzionaria.

Quasi fatale, il passo. Quello che porta verso l’antagonismo, la clandestinità. E un mancato attentato, nel 1976, a cui fa seguito un primo arresto. Poi, quando tutto sembra dimenticato, la sentenza passata in giudicato e l’arresto: a scuola, durante le lezioni, con il pensiero del figlioletto da andare a prendere a scuola. Gli anni nel supercarcere di Novara, il confronto tra le donne. Poi, la nuova libertà, la scelta di svoltare verso una nuova vita: che potrebbe essere rappresentata, in una grande casa di Cà di Favale, nell’entroterra chiavarese, dall’allevamento dei bachi da seta. Fili di seta leggerissimi e fortissimi, come le proprie passioni. ” Sarà un filo di seta nera”, edizioni Anarres, 7 euro: nelle librerie L’Amico Ritrovato e da Bookowski), è la storia che Enza narra di sé. Poco raccontata, molto riflessiva, com’è lei. «Devi farlo, perché se vai al risparmio energetico non farai nulla – sorride lei, che presenterà il libro oggi alle 16.30 al Cream Café del Ducale insieme a Paolo Tellarini, l’amico che l’ha convinta che scrivere (molto bene peraltro, frasi secche e dure, ma grande gusto d ella parola) di sè era la cosa giusta da fare. «E’ un racconto con esperienze e con vissuti pesanti, molto più del mio – dice Enza certo, non è stato facile, ma queste cose bisogna dirsele». Un percorso che si riapre. Senza giudizi, solo ricordi.

Un pensiero di Oreste Scalzone

Scrive Rosella ”OGGI È MORTA ENZA SICCARDI, una donna coraggiosa…”. Ormai, per ‘nojaltr*’ in svariati sensi, ‘la campana suona ogni giorno’, e anche il suo annuncio. Ora, un altro buco nella rete sempre più tarlata…, un altro addìo….. Ridotto – per motivi disparati, convergenti e sinergici, di forza maggiore – ad una rarefazione estrema delle ‘uscite su questo schermo’, sempre più ‘a singhiozzo’ e perdendo sempre più terreno come un ciclista rispetto al ”Gruppo”, dovendo scegliere preferisco ‘farmi vivo’ tenendomi, al netto di ”tutto”, a queste ‘cerimonie degli addìi in corso’, che sono – come si dice oggi – ”di nicchia”…. Non si tratta di una sorta di ‘Spoon river’ in simultanea o quasi , ‘in progress’ ; o dell’esprimesi in una cifra ‘ossianica’ alla Macpherson *… È che – poi che ”il bisogno di consolazione è indissetabile”*, questi piccoli gesti possono avere un minimo di effettualità per qualc1. Per memorie – rammemorazioni, rivisitazioni – assai più ‘megaliche’, fino all’immane, non sono certo necessario io, non c’è bisogno di me – semmai è il contrario, ma tento di vedermela ‘tra me e me’… In fondo, ‘tutto qua’.

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.