Fausto e Iaio, Salvini difende il suo lavoro: ho circoscritto il campo ai fascisti romani

Ho letto il suo post nell’anniversario di Fausto Iaio e devo dirle che non è molto elogiativo, anche se non ha il dovere di esserlo, ed è impreciso sulle indagini svolte.
Io avevo ricevuto gli atti dalla Procura come Giudice Istruttore, lo ho sviluppate in parallelo a quelle su Piazza fontana ho sentito decine e decine di persone nel mondo della destra su quell’omicidio, ho fatto una serie di riscontri, raccolto una serie di reperti utili e sono riuscito a restringere il campo dei probabili autori, giovani dell’estrema destra romana, che ho indagato. Quindi non ho pestato l’acqua nel mortaio. Purtroppo come lei sa il tempo per le indagini è
terminato perché è finita l’ultima proroga per l’Ufficio istruzione e quindi ho dovuto trasmettere gli atti nel 1997 non a Roma ma alla Procura di Milano con un’ordinanza in cui ho riassunto tutto quello che avevo trovato. La Procura di Milano come sempre non ha fatto niente e tutto si è fermato lì.
Le allego il mio provvedimento che è interessante da leggere
Guido Salvini

(umt) Compito della magistratura è determinare la verità giudiziaria. In questo, come in tanti altri casi, non c’è riuscita. Nonostante l’indefesso lavoro del giudice Salvini.

Per approfondire

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.