Il miliziano di Kenosha: un profilo social dai ‘cani da guardia’ antirazzisti

Hatewatch, l’osservatorio dell’odio gestito dal Southern Povertry Law Center, la fondazione di Montgomery leader nel campo dei diritti civili, dalle battaglie legali alla formazione, ha condotto un’approfondita inchiesta sui profili social di uno dei protagonisti dei disordini di Kenosha, un estremista di destra. Niente di poliziesco: l’uomo non ha nessun imputazione a carico, si è solo andato a prendere il suo quarto d’ora di celebrità partecipando a un talk-show su youtube. E i “cani da guardia” antirazzisti lo hanno spolpato, passando al setaccio la sua vita social. Il testo è una traduzione abbastanza fedele del testo originale, asciugato di qualche ridondanza.

Ryan Balch, un 31enne del Wisconsin, che ha partecipato con Kyle Rittenhouse e altri miliziani pattugliamenti armati a Kenosha finiti con la morte di due dimostranti, usa i suoi account sui social media per collegarsi a un video di propaganda nazista, dare eco al nazionalista bianco Richard Spencer, e caricare simboli associati al cosiddetto movimento boogaloo.
Mercoledì 26 agosto, Balch ha scritto un post su Facebook in cui descriveva in prima persona ciò che è accaduto la notte di martedì 25 agosto, quando il 17enne Rittenhouse avrebbe sparato e ucciso due persone ferendone una terza. I disordini civili hanno avvolto Kenosha dopo che la polizia locale ha sparato 7 volte alla schiena di un uomo nero, Jacob Blake, paralizzandolo. Sia Rittenhouse che Balch facevano parte del contingente di miliziani. I manifestanti avevano precedentemente bruciato edifici, tra cui il Dipartimento Correzionale di Kenosha, in risposta alla sparatoria di Blake. Balch è apparso su una diretta su YouTube chiamata “Hair of the Dog” il 28 agosto, tre giorni dopo il presunto attacco di Rittenhouse, sostenendo che lui personalmente non è andato a Kenosha per “essere contro MLB o essere contro nessuno”.

Balch non è stato accusato di un crimine o è stato collegato alla sparatoria dalle forze dell’ordine. Ha offerto volontariamente informazioni sulla sua conoscenza con Rittenhouse sulla sua pagina Facebook.
Hatewatch collega Balch a un account Twitter che ha diffuso contenuti suprematisti ben prima dei fatti di Kenosha ma è fermo dal mese di dicembre 2018. Balch ha pubblicato su Twitter il 3 febbraio 2017 il link a un video di esplicita propaganda nazista “La verità trionferà: Adolf Hitler”, che ha circolato su siti web marginali della supremazia bianca all’epoca. Il video si basa in gran parte sui filmati dei discorsi di Hitler. I suprematisti bianchi incorporarono il video nel dominio “antifascism.org” e formularono contenuti accurati e fuorvianti, consentendogli di circolare senza essere facilmente bloccato come propaganda nazista.

Il nazionalista bianco Richard Spencer è tra le persone che lo hanno condiviso su Twitter, un giorno prima di Balch, che lo segue e ne ritwitta i contenuti. Lo stesso giorno ha anche twittato a Lauren Southern ,una donna canadese che promuove il complotto della grande sostituzione, la tesi per cui i bianchi sono sistematicamente sostituiti da persone non bianche nei paesi occidentali. I terroristi suprematisti bianchi – come il cecchino della moschea in Nuova Zelanda – seguaci questa teoria hanno ucciso decine di persone negli ultimi anni in suo nome.

Balch ha dimostrato anche su Twitter di conoscere le teorie del complotto antisemita di estrema destra. Si è definito un “goy”, la definizione ebraica per una persona non ebrea. Talvolta è usato ironicamente dai suprematisti bianchi per segnalare la loro accettazione di quelle teorie del complotto. Balch ha usato il termine “goy” in una serie di tweet diretti a un tale Daniel Cohen, che si presenta su Twitter come un rabbino. Balch contestava a Cohen le sue opinioni che sollecitavano il controllo delle armi.
A un certo punto del video di propaganda nazista diffuso da Balch, i sottotitoli proclamano: “Oltre l’Europa e il mondo intero, l’ebraismo internazionale sarà riconosciuto come la sua intera minaccia demoniaca”, prima di tagliare l’immagine di George Soros. Il filantropo miliardario è al centro di numerose teorie cospirative antisemite spacciate da estremisti di destra.

Balch ha anche condiviso su Twitter il 27 marzo 2018 un meme che proclamava: “I comunisti non possono darti un pugno con un buco in testa. “Il meme mostrava un uomo pesantemente armato che teneva un cappello con un foro di proiettile intriso di sangue.
Balch ha espresso paranoia e sfiducia nei confronti della sinistra, seguendo su Twitter estremisti di destra che diffondono teorie del complotto e una retorica sensazionalista sulla sinistra. Oltre a Southern e Spencer, Balch segue cospirazionisti acutamente critici della sinistra come Paul Joseph Watson, ex Infowars, e Mike Cernovich, un suprematista maschile noto per la vendita di integratori cerebrali online. Nel 2018, Balch ha anche ritwittato un attacco all’ SPLC per non aver incluso il gruppo Redneck Revolt nella lista annuale di gruppi di odio.

Balch attualmente utilizza un meme associato al boogaloo come sfondo di Facebook. Questo movimento legato alle milizie a volte si presenta come indifferente ai temi razziali, ma sono dimostrate le sue connessioni al mondo più ampio dell’estremismo di destra. Gli aderenti al boogaloo hanno presumibilmente ucciso poliziotti negli ultimi mesi. La carta da parati di Balch presenta il simbolo di un igloo, che è tipicamente impiegato dagli aderenti al movimento. Il meme dice: “Non puoi uccidere un’idea”. I timestamp mostrano che Balch ha caricato l’immagine la notte del 12 agosto, terzo anniversario della manifestazione “Unite the Right” a Charlottesville che finì con un dimostrante antifa ucciso.

A Balch piacciono le pagine Facebook dell’estrema destra: una dei Confederati, un’altra survivalista (la preparazione del giorno del giudizio: le persone che nascondono cibo e armi in vista della guerra civile o un altro evento apocalittico). Hatewatch ha tentato di contattare Balch tramite Facebook ma non ha ricevuto risposta. Il suo post su Facebook sulle morti a Kenosha, carico di gergo paramilitare, incolpa “il governo” per quello che è successo: “Sono convinto che quella notte abbiamo affrontato un solo mostro là fuori. Il governo – ha scritto – ha cercato di agitare e creare una situazione in cui ciò sarebbe accaduto.”
Durante la sua apparizione nello show di YouTube “Hair of the Dog”, Balch ha condiviso la sua versione degli eventi della notte, inclusa una dichiarazione senza alcuna prova corroborante che c’era un secondo tiratore coinvolto nelle uccisioni di Kenosha.

I registri pubblici mostrano che Ryan Thomas Balch ha vissuto a Laurel, nel Mississippi e in alcune parti del Wisconsin. Il 28 febbraio 2018, Balch ha pubblicato su Twitter uno screenshot dal suo account Facebook, un’immagine in relazione a David Hogg, un sopravvissuto della sparatoria di massa di Parkland. Balch ha anche trollato Hogg su Twitter: “Bannato da @facebook per aver semplicemente pubblicato un’immagine come contrappunto. “Notizie false”, così dicono “, ha scritto. Lo screenshot che Balch ha condiviso quel giorno mostra chiaramente il suo nome completo su Facebook, “Ryan Thomas Balch”.
L’account da cui ha fatto la dichiarazione sullo spargimento di sangue di Kenosha e l’account Twitter @Balch_Ryan da cui ha condiviso il video di propaganda nazista sono quindi collegati. Balch ha anche pubblicato tweet con tag di geolocalizzazione nel Wisconsin. Ad esempio, Balch ha pubblicato un articolo su Hillary Clinton in relazione alla “cucina spiritosa” il 5 novembre 2016 da Milwaukee, Wisconsin. La pagina Linkedin di Balch dice che vive a Milwaukee. La cucina spiritosa si riferisce a un elemento della campagna di disinformazione #Pizzagate, propagata da estremisti di destra come Cernovich e Jack Posobiec, un neonazista attuale corrispondente di One America News Network. Balch ha postato più di una volta su Twitter riguardo a #Pizzagate, che suggeriva falsamente che i democratici stessero coordinando un giro di traffico sessuale di bambini nel seminterrato di una pizzeria dell’area di Washington, DC.

Rittenhouse, il giovanissimo killer sotto accusa, è diventato una cause importante tra gli esperti di destra, che hanno sostenuto che ha agito per legittima difesa e non è un estremista. In particolare, Tucker Carlson, nel suo spettacolo Fox News in prima serata, ha detto che Rittenhouse, “ha mantenuto l’ordine quando nessun altro lo farebbe”. Hatewatch non è stato in grado di determinare fino a che punto Balch potesse essere stato in contatto con Rittenhouse prima delle proteste di Kenosha, se non del tutto. Inoltre non è chiaro se la coppia fosse o meno collegata sui social media. Finora, le uniche informazioni che collegano i due uomini provengono dal post di Facebook di Balch. Sotto attacco, infine, le società di social media come Twitter e Facebook per il ruolo che i loro siti web svolgono nel trarre profitto dal tipo di violenza politica di strada che è diventata più comune da quando Trump è entrato in carica nel 2017. Venerdì, il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha ammesso di non essere riuscito a bloccare a tempo la pagina di un evento che invocava una risposta fondata sulle milizie ai disordini di Kenosha che seguirono la sparatoria di Blake. Zuckerberg ha definito il ritardo nell’azione “in gran parte un errore operativo”.

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.