Il veterano confessa: ho ucciso quel nero per preparare la guerra razziale

La stampa americana ha mantenuto la tradizione dei grandi reportage e non si fa scoraggiare dalle idee dominanti sulla disaffezione dei lettori per le storie lunghe. Quella che segue è la prima parte dell’inchiesta condotta da un reporter del Washington Post che ricostruisce un delitto razzista di quasi tre anni fa ed è stata messa in Rete il 27 dicembre scorso. Il testo completo lo potete leggere qui

L’uomo inciampò nel recinto della polizia a Hell’s Kitchen una sera tardi, barcollando verso un alto banco di ricevimento dipinto di nero e blu. Prima che l’agente della reception potesse chiedere all’uomo i suoi affari, è crollato su una panchina, gocciolando sangue. Quando gli ufficiali gli hanno tirato su la camicia, hanno trovato una serie di ferite da taglio nella sua pelle scura. Mentre lottavano per arginare l’emorragia, chiesero all’uomo che lo aveva attaccato, ma poteva solo gemere.

È morto pochi minuti dopo in un ospedale di Manhattan senza dire una parola. La polizia si è è data da fare a dare un senso al massacro del 20 marzo 2017. Un testimone aveva visto la vittima litigare con qualcuno per strada a mezzo isolato di distanza. I filmati di sorveglianza hanno mostrato un giovane bianco con un cappotto nero e capelli biondi ben separati che fuggivano dalla scena.

Il responsabile si consegna

Ma il motivo era un mistero. E la sera seguente, la polizia non aveva ancora indizi sul sospettato, nemmeno un nome. Mentre due dozzine di ufficiali si radunavano a Times Square, a nove isolati dalla scena del crimine, per continuare la ricerca, una figura solitaria emerse improvvisamente dal flusso di turisti. I suoi capelli erano accuratamente pettinati. “Sono il ragazzo che state cercando”, ha detto James Harris Jackson, sfilandosi con calma la giacca nera e posandola davanti a un ufficiale. “Ci sono coltelli in quel cappotto.”

Per le successive cinque ore, in un’intervista videoregistrata che sarebbe stata successivamente iscritta nel registro della corte, Jackson disse con orgoglio ai detective come aveva pugnalato Timothy Caughman nella parte posteriore con un gladio semplicemente perché era nero.

“Mi preparavo a un attacco più grande”

Caughman, ha spiegato il veterano dell’esercito di 28 anni, era “pratica” per un attacco più grande in cui Jackson mirava a uccidere quanti più uomini neri con donne bianche poteva. “Stavo cercando di spaventare gli uomini di colore e farli fare attacchi reciproci”, ha detto, “e ispirare gli uomini bianchi a fare cose simili”. Se i detective volessero davvero capirlo, ha detto Jackson, dovrebbero leggere il manifesto che aveva programmato di inviare ai media. “La guerra mondiale razziale inizia oggi”, ha iniziato. “Dio ci ha ordinato di eliminare le razze negre dalla faccia della terra per il bene di tutta l’umanità.”

La guerra razziale: vecchia idea suprematista

L’idea della guerra razziale è più antica degli Stati Uniti. Alimenta il trattamento brutale dei nativi americani e schiavizza i neri da parte dei coloni bianchi che temevano le rivolte. Da allora ha continuato a ispirare la violenza. Dai decenni di linciaggi di Ku Klux Klan al massacro di nove fedeli neri quattro anni fa a Charleston, S.C. “Fa parte dell’ambiente intellettuale della supremazia bianca hardcore, l’idea che ci sarà, potrebbe o dovrebbe esserci una sorta di guerra di razza futura”. Lo ha dichiarato Mark Pitcavage, un esperto di estremismo di destra presso la Anti-Defamation League.

Deriva da una credenza di base bianco-suprematista: che i bianchi corrono il pericolo imminente di essere spazzati via. Alcuni aderenti si preparano per quello che vedono come un inevitabile cataclisma accumulando armi e addestrando per il combattimento. Altri vanno oltre, cercando attivamente di innescare conflitti razziali mentre i bianchi sono ancora in maggioranza. Il Dipartimento per la sicurezza interna ora considera la violenza dei suprematisti bianchi una grave minaccia per il paese come lo Stato islamico o al-Qaeda, secondo un rapporto presentato a settembre.

I precedenti: da Manson all’Order

Cinquant’anni fa, il leader della setta californiana Charles Manson ordinò ai suoi seguaci di commettere un omicidio per iniziare una guerra di razza, l'”Helter Skelter”. Alla fine degli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80, il suprematista bianco Joseph Paul Franklin commise una serie di sparatorie mortali contro neri, ebrei e coppie interrazziali in tutto il paese per lo stesso motivo. La furia omicida di Franklin ha ispirato il leader neonazista William Pierce a scrivere il romanzo “Hunter”. La ricerca di un uomo per uccidere le coppie interrazziali provoca una rivolta. In un altro romanzo di Pierce, “The Turner Diaries”, una tale rivolta porta alla guerra nucleare e all’annientamento dei non bianchi. “The Turner Diaries” ha ispirato generazioni di suprematisti bianchi. Tra questi l’Ordine, un gruppo terroristico che ha rapinato banche, bombardato un teatro e una sinagoga e ucciso un conduttore radiofonico ebreo negli anni ’80 (…)

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.