L’ebreo accoltellato, il demone islamista e il sicario biondo

L’agguato di Milano, con l’accoltellamento di un giovane ebreo ortodosso, genero di uno dei rabbini della locale comunità israelitica, ha generato un immediato stato d’allarme, con l’incremento significativo della vigilanza ai numerosi obiettivi sensibili. Si è fatta subito strada la suggestiva ipotesi di una “intifada dei coltelli” di esportazione e la testimonianza del primo soccorritore che ha parlato di un giovane biondo, magro, dalla pelle chiara, non è riuscita a raffreddare gli entusiasmi. Puntuale è arrivata la richiesta di condanna a cui non si è sottratto il presidente del Centro culturale islamico di viale Jenner. Ma a meno di pensare che il sicario “biondino” sia un convertito come il boia inglese dell’Isis fulminato da un missile americano (si spera) francamente i musulmani sembrano entrarci poco e quindi dovrebbe essere più fruttuoso lavorare sulle piste alternative:
1. un nazista dell’Illinois/lupo solitario
2. uno psicopatico più o meno ossessionato dagli ebrei (ce ne sono in giro)
3. uno che per qualche imperscrutabile ragione era molto arrabbiato con la vittima (succede).
E’invece, in tutta evidenza, più semplice e spendibile fomentare l’allarme sociale, tra blitz antiterrorismo internazionale e ossessioni securitarie montanti …

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.