L’ultimo erede del pastore Butler dissolve le Nazioni Ariane, il maggiore gruppo nazista in America

Sono passati soltanto 11 anni dalla morte del fondatore di Aryan Nations (AN) Richard G. Butler, il leader più noto, con William Pierce, della fascisteria americana, e non c’è più un quartier generale del movimento o un sito web per promuovere congiuntamente il suo credo religioso razzista (l’Identità cristiana), il culto di Hitler, così ostracizzato negli States e l’ideologia segregazionista del Ku Klux Klan. Questo non vuol dire, naturalmente, che le sue idee  suprematiste, fanatiche, razziste e neonaziste sono scomparse.

L’ex chiesa delle Aryan Nations era stata deliberatamente rasa al suolo nel 2001 nel nord dell’Idaho, dopo il fallimento a seguito di una condanna a un risarcimento di 6 milioni e 300mila dollari vinta dal Southern Poverty Law Center (SPLC), il centro antirazzista impegnato nella difesa delle minoranze e dei diritti civili. Da allora i suprematisti bianchi si sono in gran parte aggregati attraverso connessioni Internet e forum, uscendo allo scoperto con occasionali incendi di croci e piccole riunioni di neo-nazisti.

Un Grovespring Mo., un moto club chiamato “Sadistic Soul” rivendica la sua fedeltà alle Aryan Nations ma ha recentemente rotto l’alleanza con i Klans d’America. Questa gang di bikers sembra più interessata alle corse motociclistiche, alle ubriacature di birra e alle foto in posa con il dito medio allungato che alla predicazione organizzata di tutto il mondo dell’odio, la pratica una volta sposata da AN di Butler.

L’ultimo leader autoproclamato delle Aryan Nations, Morris L. Gulett, che ha brevemente è stato in linea  con le Sadistic Soul e il loro leader, Dennis McGiffen, improvvisamente ha chiuso i battenti, il ​​mese scorso, al suo “quartier generale” di Converse, La.

È stata una sorpresa per il movimento razzista. Solo sei mesi prima, Gulett era stato accusato di avere arditamente lodato Dylann Tempest Roof, la cui mentalità razzista apparentemente era dietro la brutale sparatoria di  giugno, in cui nove persone erano state ammazzate nella Emanuel Church di Charleston, nella Carolina del Sud.  Ora, improvvisamente, senza capitolare, scusarsi o rinnegare le sue opinioni razziste, Gulett senza mezzi termini ha detto che sta ritirandosi dalle linee del fronte. Le Nazioni ariani “non esistono più con la veridicità che avevano una volta [e], pertanto meritano di essere rispettosamente sepolte”, ha detto il mese scorso Gulett nel suo annuncio pubblico.

Tre giorni dopo questa dichiarazione, Gulett ha chiuso il sito di AN dove ha postato regolarmente i suoi sermoni razzisti che spesso invocavano Butler, la sua eredità e le foto del compound di Hayden Lake, Idaho. Gulett non ha offerto una spiegazione dettagliata, ma può essere che l’uomo,  dopo aver trascorso del tempo in prigione per vari reati,  semplicemente non è stato più in grado di attrarre e mantenere molti seguaci e il loro sostegno finanziario necessario. Di certo non ha ammesso il fallimento. Nel frattempo ad agosto Byron Kreis III, l’altro uomo che nell’arco degli ultimi dieci anni ha affermato di essere il nuovo leader delle Aryan Nations, con un sito web poco lucido, è stato condannato quest’anno per lo stupro di un bambino e probabilmente trascorrerà il resto della sua vita in prigione . Altri aspiranti  leader di AN, Paolo Mullet, Gerald O’Brien, Drew Bostwick e Charles Juba, sembrano essere svaniti dalla prima line razzista mentre l’allievo di Butler, Neuman Britton e Ray Redfearin sono morti.

Le croci fiammanti delle Nazioni Ariane rapidamente si sono spente. Eppure, nel panorama nazionale, e in particolare nelle carceri, il nome ​​è ancora venerato e sbandierato, in particolare sui siti web e forum razzisti, compreso Stormfront. Ma il logo dell’organizzazione – la svastica nazista sovrapposta alla croce cristiana non è più facilmente reperibile. Il leader del SPLC Mark Potok ha detto che le Nazioni ariane sono state per decenni “probabilmente il più conosciuto, se non il più importante gruppo neonazista in America. Ora, 38 anni dopo la sua fondazione, dopo che è stato messo in ginocchio dalla causa vinta dal SPLC ed è stato screditato dalle rivelazioni sulle abitudini pornografici e la violenza estrema di alcuni dei suoi esponenti, e svuotato dalla morte dei suoi leader più carismatici, il gruppo che ha prodotto alcuni dei peggiori terroristi razziali della nazione è essenzialmente defunto”, ha detto Potok.

E Gulett, l’uomo che una volta ha affermato di condurre le Aryan Nations è d’accordo: “A tutti gli effetti, le Aryan Nations, create a metà degli anni settanta dal pastore Butler, è morto e sepolto”, ha detto nel suo piuttosto sorprendente distacco del 17 novembre, prima di lasciare il proscenio razzista, 23 anni dopo essere stato “ordinato” pastore della Chiesa di Gesù Cristo cristiana da Butler. Tutto ciò che rimane, ha detto, “sono un paio di benintenzionati dedicati e un buon numero di malcontenti che ingiustamente si definiscono Aryan Nations, ma non saranno mai altro che una gang di bikers degenerati e sporchi”.

Questo è un evidente riferimento a McGiffen e alle sue “Sadistic Soul” a cui non è riuscito neanche il tentativo, in connessione con Shaun Patrick Winkler, un ex protetto di Butler, di costruire un nuovo complesso paramilitare delle Aryan Nations nel North Idaho. Winkler ora vive nel Mississippi e si dichiara dice che è affiliato ai Keystone International Knights del Ku Klux Klan, una delle tante sette dello storico movimento suprematista del Sud.

“Il nome di Aryan Nations ha uno stigma così negativo a causa di questi tipi di persone che non ha più alcun valore reale”, ha detto Gulett. Uscito dalla prigione federale nel 2010, Gulett ha trascorso gli ultimi cinque anni spendendo “migliaia e migliaia di dollari” per provare “a riportare Aryan Nations al suo antico splendore, con gli stessi standard chiesti dal Pastore cristiano Butler. Ma tutto è è stato inutile e perciò oggi annuncio il mio ritiro dalla Aryan Nations. Non potrò mai perdere il rispetto per l’organizzazione nobile e onorevole che il pastore Butler creato 40 anni fa ma la nostra Razza Bianca ha evidentemente perso la voglia di vivere ed è quindi destinata a perire nell’imminente guerra razziale.”

Secca la risposta dei Sadistic Soul che hanno dato a Gulett del “rabbino” sostenendo che né lui né Kreis possiedono le competenze necessarie per succedere a Butler. “WOW!! Pastore Butler deve essere orgoglioso di voi due “, ha concluso ironicamente il sito web di Sadistic Souls.

Fonte: SPLCenter.org

Informazioni su

Ugo Maria Tassinari è l'autore di questo blog, il fondatore di Fascinazione, di cinque volumi e di un dvd sulla destra radicale nonché di svariate altre produzioni intellettuali. Attualmente lavora come esperto di comunicazione pubblica dopo un lungo e onorevole esercizio della professione giornalistica e importanti esperienze di formazione sul giornalismo e la comunicazione multimediale

Taggato con: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*